Vita da cani. A ciascun presidente il suo cane: Figaro all’Eliseo!

di Donatella Poretti | 14 maggio 2017

A ciascun presidente il suo cane e con Emmanuel Macron s’interrompe la “reggenza” dei labrador all’Eliseo! Samba e Candy erano i labrador di Valéry Giscard d’Estaing, che aveva anche un Weimaraner, Jogurtha, poi e’ arrivato Baltique il labrador nero di Francois Mitterand. Il labrador salta il turno presidenziale con Chirac che aveva un maltese di nome Sumo, per poi insediarsi di nuovo all’Eliseo la labrador Clara al seguito di Sarkozy. Francois Hollande si presenta sempre con una labrador Philae, che diventa anche mamma di 10 cuccioli durante il mandato presidenziale.
E ora e’ il turno di Macron e del suo dogo argentino di nome Figaro!
Comunque non si interrompe la tradizione del presidente e del suo cane al seguito all’Eliseo, come invece e’ accaduto negli Usa con Donald Trump (http://www.independent.co.uk/news/world/americas/donald-trump-white-house-dog-goldendoodle-first-us-president-130-years-bo-a7604206.html): il primo presidente che si presenta alla Casa Bianca senza cane dopo ben 130 anni!

Donatella Poretti ( consulente Aduc. Cura la rubrica Vita da Cani: http://avvertenze.aduc.it/vitadacani/ )

Donatella Poretti è un politica italiana. Esponente dei Radicali Italiani e dell’Associazione Luca Coscioni, è stata eletta alla camera dei deputati. Cura la rubrica “Vita da cani” sul web di Aduc.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*