Tutti a chiedersi chi sarà il candidato sindaco che le liste di Punto e a Capo sosterranno.

di Carla Ceretelli | 22 Ottobre 2018

Tutti a chiedersi chi sarà il  candidato sindaco che le liste di Punto e a Capo sosterranno.
E da che parte stanno. E con chi si alleeranno.  E noi a sgolarsi per far comprendere  che a queste istanze non c’è risposta.  O meglio,  la risposta è implicita  perchè il gruppo e le liste (probabilmente due o più), che ne scaturiranno, sono civiche e libere dai magni lacci e lacciuoli dei partiti tradizionali.  E, più che  bipartisan, proprio affrancate  da qualsiasi vincolo di carattere politico.  In una sorta di  emancipazione  inedita e inconsueta.
Il candidato sindaco sarà scelto  fra  una rosa di nomi di prestigio, fiorentini o con una conoscenza superba di Firenze e  un grande affetto per questa città che appare un po’ abbandonata a se stessa, trascurata.
Un borderò di candidati predisposti  da   cinque o più probiviri designati dai patron Nicola Cariglia e Graziano Cioni. Così come i candidati al Consiglio Comunale e alle varie Circoscrizioni cittadine.
 Chi può  partecipare al gruppo e proporsi  fra i  candidati?  Tutti coloro che lo desiderano. Si facciano  avanti e   saranno  accolti con piacere. Non interessa da dove vengono o chi sono, ma dove vogliono andare. E’ sufficiente, ma anche necessario, che condividano il programma, per ora di massima, che sarà presentato il prossimo 10 novembre. Naturalmente  tutte persone di buona volontà e di buon senso, senza distinzione di genere, di età, di appartenenza. Che  approvino e aderiscano alle proposte  del gruppo e abbiano a cuore  il benessere della città e la serenità dei cittadini e di chi la frequenta. Con l’intento  riportarla  al senso del bello, che le è proprio,  dell’utile e del vivere e convivere  civile.
Concetti già ripetutamente esposti nel gruppo FB. Ma si è dovuto constatare che non è stato del tutto compreso, almeno non da tutti. Perchè sappiamo bene, noi utilizzatori del web , quanto  il  social  possa essere confusionario e soggetto a fraintendimenti talora devianti.
E’ stato dunque deciso, durante l’ultima recente riunione fra promotori e amministratori, di utilizzare questo sito del giornale on line  Pensalibero  collegato  alla pagina FB del medesimo,  messo  gentilmente a disposizione dal Direttore. Per i  tre gatti  che non lo sanno, Nicola Cariglia, uno dei due ideatori del gruppo. Punto e a Capo.
Due personaggi diversi caratterialmente, Graziano  lo sceriffo,  protagonista per decenni nell’amministrazione comunale,  e Nicola il giornalista,  già direttore della  RAI toscana del bel tempo che fu.  E provenienti da dissimili  appartenenze politico/amministrative.  Ma entrambi di grande e considerevole  esperienza. Ciascuno nella propria specificità. E oggi, come sappiamo tutti ce n’è tanto bisogno. Largo ai giovani. Perfetto, ma non agli ignoranti e agli  incompetenti.
Diversamente giovani, talvolta  un po’ acciaccati nel fisico,  ma con una mente attivissima e aperta, una fucina di idee. Ma  soprattutto hanno compreso che è ora di raccogliere ciò che è sparso,  compendiarlo e incanalarlo verso proposte attive  da realizzare, con un pragmatismo che raramente i giovani posseggono. Tutti insieme, dunque ,  per mano e a braccetto fra generazioni. Appassionatamente per Firenze. Che conoscono come le loro tasche, professionalmente e amministrativamente.
I temi trattati, quelli classici che interessano la vita dei cittadini, non saranno ottusi e infarciti da pregiudizi ideologici.  E,  le ideologie,  superate e sublimate dalla voglia di recuperare quello che di buono la città ha perso nel tempo, senza rimpianti e mugugni.  Senza trascurare, naturalmente, quello che di innovativo originale e inedito,  è utile opportuno e necessario.
Carla Ceretelli
Nata a Sesto fiorentino, risiede da sempre a Firenze, attualmente nella Piazza di Santa Croce. Laureata in in Pedagogia qualche decennio fa, non ha mai amato l'insegnamento e ha scelto di affiancare il marito farmacista nella conduzione della Farmacia Logge del grano, nella Via de' Neri, per oltre 25 anni. Impegnata in politica attiva sul territorio è stata Consigliere del Quartiere Uno Centro Storico dal 99 al 2009. Da qualche anno si è affrancata dal lavoro e si dedica a varie occupazioni nel sociale, nel volontariato e canta nel coro "Accademia del Diletto" di Giorgiana Corsini. Ha sempre amato scrivere e avrebbe voluto fare la giornalista ma da giovane non ne ha avuto l'opportunità e forse neppure il coraggio. Ma ha sempre scribacchiato in modo non professionale. E, per la serie non è mai troppo tardi, collabora ora molto volentieri con Pensalibero.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*