E’ tornato a essere “il più ganzo di tutti”

Non si accorge è che quelle risate dei suoi servitori che lo circondano sono poco rappresentative del giramento di scatole che c’è nel Paese reale.

di Graziano Cioni | 10 agosto 2017

Da ragazzi , nel gruppo di amici ,c’era sempre uno che per affermare la sua presenza , faceva sempre il ganzo, a volte era simpatico il più delle volte era fuori tempo e luogo.

Dopo un po, era scontato, rimaneva sui coglioni a tutti , la ripetizione di se stesso all’infinito.

Era di Pontorme e il soprannome era “moccolo” appioppatogli quando da piccolo girava per il paese sempre con la candela al naso.

Ora quello che vuol fare il ganzo e il simpaticone per forza, anche se non ha candele e veste Scervino , è il nostro Matteo nazionale.
Si sta riproponendo, è stato riconfermato Segretario del PD a larghissima maggioranza….. è entrato per età negli “anta” è un adulto e aspira a rifare il Premier .

E cosa ti combina ,in una specie di conferenza stampa ,a fronte di una domanda di una giornalista della 7, gli ha tolto il microfono e lo ha gettato al sottosegretario Giacomelli, che ovviamente l’ha mancato facendolo finire in strada.

Ganzo per forza , e quello di cui non si accorge è che quelle risate dei suoi servitori che lo circondano sono poco rappresentative del giramento di scatole che c’è nel Paese reale.

Poi il microfono lo tiri a Luca che lui certamente non lo faceva cadere.

Graziano Cioni

Graziano Cioni ha svolto una intensa attività politica nell’amministrazione cittadina di Firenze di cui è stato a lungo Vice Sindaco; soprannominato “lo Sceriffo” per la sua incessante attività a favore della legalità, è stato Deputato e Senatore. Uscito di scena nel 2009, in pieno avvento Renzi, oggi è osservatore privilegiato sul suo profilo Facebook. I suoi post sono riprodotti “ufficialmente” da Pensalibero con l’assenso del loro autore.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*