Archivi Tag: merkel

S&P, Tap, Libia: la geopolitica del Mediterraneo passa per Melendugno

Mediterraneo

Sarà un caso. La solita inavvertita coincidenza. O, perfino, una maliziosa accozzaglia di fortuiti eventi. Sarà, ma quanto accaduto sul finire della scorsa settimana merita riguardo. Che l’attenzione della Casa Bianca sul gasdotto trans-atlantico (TAP) fosse alquanto elevata lo aveva dimostrato, apertamente e senza giri di parole -come è suo stile- il Presidente Trump lo scorso luglio durante la visita ufficiale ...

Leggi »

LA MEDIOCRITÀ CHE CI SOMMERGE È FIGLIA NOSTRA, MA SE LA CRISI DA POLITICA DIVENTA ISTITUZIONALE È LA FINE DELLA REPUBBLICA

La conseguenza di questi errori è adesso sotto gli occhi di noi tutti. L’Italia la sera dell’ottantaduesimo giorno dal voto non ha ancora un esecutivo, mentre uno scontro furibondo imprigiona le due forze che, rompendo la geometria delle alleanze e delle ostentate solitudini elettorali, hanno sovvertito dettami e prassi costituzionali per arrivare a stipulare un contratto di governo, e con loro un presidente del Consiglio incaricato venuto dal nulla e il Capo dello Stato, strattonato tra chi gli intima di rinunciare (di fatto) alle prerogative che gli articoli 92 e 95 della Costituzione gli attribuiscono e chi gli rinfaccia di non farle valere a sufficienza

Leggi »

Trump, Macron e la Merkel: l’accordo con l’Iran e l’Europa

Nessuno può sorprendersi se lo stile e la disinvoltura con cui Emmanuel Macron si muove sul terreno della politica esteracrea in Europa diffusi mugugni, se non malumore. Le reazioni al recente viaggio a Washington ne sono un esempio parlante; tra l’altro tutto ciò avviene poco tempo dopo la partecipazione della Francia ai bombardamenti in Siria assieme a Usa e Gran Bretagna. Le reazioni italiane non ...

Leggi »

L’irriverente degli Stati Uniti d’Europa. Dimmi cosa fai e sapro’ chi sei

Grande eco per l’intervento del presidente francese Emmanuel Macron al Parlamento europeo. Soprattutto perche’ in questi ultimi tempi, a parte gli “aficionados” che riescono a star dietro al procedere del pachiderma burocratico di Bruxelles cogliendo i non pochi aspetti e le altrettanto non poche ricadute sul nostro quotidiano, di Ue se ne sente parlar male e, ogni volta che c’e’ ...

Leggi »

Francia: Macron quasi un anno dopo, luci ed ombre

Il primo anniversario dell’elezione di Emmanuel Macron all’Eliseo è ormai dietro l’angolo – 23 aprile e 7 maggio 2017 le date dei voti – ed è dunque giunto il momento per un primo bilancio del suo operato. Se una valutazione dei risultati economici conseguiti sarebbe sostanzialmente assurda, un primo studio della tenuta a livello di supporto popolare è invece opportuna. Une: una ...

Leggi »

“10 Volte Meglio”, il partito start-up che non fa politica ma solo cultura “Ormai Destra e Sinistra sono concetti obsoleti”. Parla Francesca Cortese, candidata capolista #Lecce

Sono quasi tutti ex cervelli in fuga rientrati in Italia per sostenere una giusta causa. Sono quasi tutte giovani eccellenze che sognano un’Italia meritocratica e digitalizzata. Giurano di fare cultura e non politica. Perché in fondo, ciò che conta davvero, non è né la Destra né la Sinistra ma solo un’Italia che possa essere dieci volte migliore rispetto a quella ...

Leggi »

Votare Berlusconi, magari turandosi il naso? Occhio perché il centrodestra è un algoritmo impossibile e lo schema tedesco ci aspetta

La Germania si avvia, quasi cinque mesi dopo le elezioni e al termine di una trattativa tanto serrata quanto seria, ad avere un governo. Sarà un esecutivo forte, sia sul piano politico che parlamentare, destinato a durare per l’intera legislatura. Lo compongono forze che in campagna elettorale si sono contrapposte senza mai, però, delegittimarsi reciprocamente. Non a tutti in Germania ...

Leggi »

Il quarto governo Merkel si farà, e senza scandalo mentre la “urnocrazia” italica rischia di rendere impossibile a Roma ciò che a Berlino è normale

Merkel

I giudizi – quasi unanimemente impropri – che in Italia sono stati espressi sull’esito delle elezioni tedesche, hanno rianimato i sacerdoti dell’urnocrazia (il copyright è di Davide Giacalone), cioè quella particolare religione che venera il dogma secondo cui a seggi appena chiusi si debba subito sapere chi ha vinto e chi ha perso le elezioni e chi di conseguenza governerà, ...

Leggi »

Germania: terremoto nel Bundestag, la Merkel raccoglie le macerie

L’esito delle elezioni legislative di domenica in Germania ha scosso il sistema partitico tedesco dalle fondamenta. Per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, i due grandi partiti di massa riescono a malapena a superare insieme il 50% dei consensi – i conservatori della Cdu con il 33% e i socialdemocratici della Spd fermi al 20,5% -. Dato ancor più preoccupante: per la prima ...

Leggi »