Archivi Tag: legge elettorale

L’unico modo di uscire dall’emergenza istituzionale è un’assemblea costituente. Chiedere al Prof. Della Cananea

Ma l’avranno capito i Di Maio, i Salvini, i Berlusconi, i Renzi e i loro rispettivi oppositori interni, che sono destinati a uscire non solo sconfitti ma addirittura massacrati politicamente da questo passaggio della vita della Repubblica che giustamente Michele Ainis ha definito di “emergenza istituzionale”? Temiamo di no, e forse è proprio questa loro insipienza a determinare l’alto grado ...

Leggi »

Cosa ha in testa Renzi?

…che continua a sparare contro ogni possibilità anche solo di colloquio coi 5 stelle che gli stan portando via l’elettorato (e che in caso di nuove elezioni subito lo ridurranno sotto il 10%, mentre Salvini farà altrettanto con Berlusconi). E’ vero, Renzi è così pieno di sè che non sta neanche a guardare i sondaggi. Altrimenti non avrebbe annunciato le ...

Leggi »

Francia: Macron quasi un anno dopo, luci ed ombre

Il primo anniversario dell’elezione di Emmanuel Macron all’Eliseo è ormai dietro l’angolo – 23 aprile e 7 maggio 2017 le date dei voti – ed è dunque giunto il momento per un primo bilancio del suo operato. Se una valutazione dei risultati economici conseguiti sarebbe sostanzialmente assurda, un primo studio della tenuta a livello di supporto popolare è invece opportuna. Une: una ...

Leggi »

Altro che Terza Repubblica, siamo ancora nel pieno di una crisi infinita della prima. Tre le condizioni per uscirne.

Se questa è la Terza Repubblica, Dio ce ne scampi e liberi. No, il problema non è il mese che è già passato dalle elezioni e le settimane, o mesi, che ancora dovranno passare prima di scoprire se avremo un governo, e quale. Ma le modalità con cui si sta affrontando il problema della formazione di una maggioranza e dunque ...

Leggi »

Un bel paese Fico

Cari amici, e si rivota…così combinati un’ si va innanzi. Si arriverà ad una nuova legge elettorale? Mha !…Magari col proporzionale e lo ” sbranamento” al 4%…parrebbe una soluzione chimica, ma il suicidio nazionale e l’è bello che pronto. Come lo chiamerei? ” Ritornellum ” !. Perché? Perché ora lo vedi se un’ tu peni poco a fare un governuccio,  ...

Leggi »

Elezioni: il non senso della legge Rosatellum

Hanno vinto il Movimento 5 Stelle e la Lega; tutti gli altri partiti hanno perso. Nel disastroso panorama della sinistra, c’è una vincitrice morale che si chiama Emma Bonino; una donna che sta lottando contro il tumore e che, al di là della salute, ha affrontato la campagna elettorale all’ultimo momento, senza mezzi economici e solo dopo aver superato gli ...

Leggi »

Dopo il 4 marzo

Come previsto, i numeri dettagliati delle elezioni chiuse alle 23 del 4 marzo, non si avranno prima dell’alba del 6 marzo. Non per colpa degli scrutatori lenti ma perché la nuova legge elettorale  ha ingarbugliato la lettura dei voti. In ogni caso, i risultati sono talmente evidenti da consentire una constatazione.  Il PD e Forza Italia, i due partiti che negli ultimi ...

Leggi »

La fine del liderismo

Stavolta il cronista auspica che vi mostriate ancora più benevoli nei suoi confronti e con maggiore pazienza siate quindi disposti ad ascoltarlo. Il mio primo articolo di politica – Pci: identità e mutamento – risale ormai al lontano ottobre 1989, rispetto al presente un tempo direi sufficiente per trarre un bilancio di un’esperienza che potrebbe anche dirsi completa, e questo perché caratterizzata ...

Leggi »

Per chi voterebbe il PD ma considera Renzi un ostacolo insormontabile, l’unica alternativa è Bonino

Cari lettori-elettori, dopo aver esaminato logiche e conseguenze del voto al centro-destra, formalmente unito in coalizione ma più che mai diviso e destinato a scomporsi ulteriormente dopo le elezioni con la sempre più probabile spaccatura della Lega (destinata però a prendere più seggi di Forza Italia), e dopo aver ragionato intorno al dilemma astensione o voto ai 5stelle, questa volta ...

Leggi »

Votare Berlusconi, magari turandosi il naso? Occhio perché il centrodestra è un algoritmo impossibile e lo schema tedesco ci aspetta

La Germania si avvia, quasi cinque mesi dopo le elezioni e al termine di una trattativa tanto serrata quanto seria, ad avere un governo. Sarà un esecutivo forte, sia sul piano politico che parlamentare, destinato a durare per l’intera legislatura. Lo compongono forze che in campagna elettorale si sono contrapposte senza mai, però, delegittimarsi reciprocamente. Non a tutti in Germania ...

Leggi »