Archivi Tag: campagna elettorale

La legge elettorale passa, Gentiloni si rafforza e prenota il bis

Con l’approvazione a larga maggioranza del cosiddetto “Rosatellum bis”, il Premier Gentiloni vince un’altra, forse decisiva, partita e prenota il posto per il dopo voto. Certo, la nuova legge elettorale non è ancora varata e dovrà affrontare le forche caudine dei numeri risicati del Senato, ma un fatto appare estremamente chiaro: il mite Gentiloni ha dimostrato di avere stoffa.

Leggi »

L’inno dei nominati. E degli innominabili.

La legge dalle belle ciglia, tutti la vogliono nessuno la piglia. Come offrire la vittoria ai penta sul piatto d'argento. Ma a razzolare nel fango magari si trova un diamante.

Leggi »

Poca politica,rissa continua : questo sarà per le elezioni del 2018

Ci si avvicina a passi lesti verso la fine di questa legislatura e le elezioni politiche sono ormai dietro l’angolo. Si scioglierà un parlamento senza maggioranza decretata dai cittadini e che non lascerà un ricordo indelebile nella nostra memoria. Al voto,al voto è l’urlo più gettonato. Ma molti attuali parlamentari corrono il rischio più che concreto di non essere riconfermati. ...

Leggi »

Guido un veicolo. Vita da clandestino

Se non uso l’auto (il motorino quando non piove) per andare al lavoro e portare i figli a scuola, la vita sarebbe molto piu’ complicata. Certo, sarebbe meglio con un mezzo pubblico: spenderei meno, risparmierei in salute e, probabilmente farei anche prima. Ma il mezzo pubblico e’ un miraggio. Si’, ogni tanto in campagna elettorale i vari candidati li promettono, ...

Leggi »

Grillo si autopensiona a fare sempre il capo

Anche se la parola partito ai militanti crea panico e angoscia i grillini rappresentano una sorta di nuovo_vecchio partito con una tendenza a volte leninista.

Leggi »

Gli apprendisti stregoni Silvio e Matteo

Matteo Renzi e Silvio Berlusconi

Il Maestro e Matteo in questo inizio (o prosieguo) di campagna elettorale si comportano tutti e due come apprendisti stregoni che evocano il miracolo, addebitando ai complotti la loro caduta. Silvio, il primo, dimenticando sia la catena di scandali che la naturale parabola discendente dopo un lungo periodo favorevole. L’Allievo Renzi, dal canto suo, celando il fallimento politico e la ...

Leggi »

Un presidente americano ha praticamente scomunicato l’Onu.

Ci si aspettava che Donald Trump debuttasse come oratore all’Onu parlando soprattutto della Corea del Nord e in termini inevitabilmente duri. Invece il presidente Usa ha parlato soprattutto dell’America e dei suoi nemici, inclusa naturalmente la Corea del Nord ma non come eccezione malata in un angolo del mondo, bensì della posizione e del ruolo dell’America nel mondo. E in ...

Leggi »

L’angoscia numero uno della classe politica americana

L’atomica nordcoreana continua ad essere l’angoscia numero uno della classe politica americana e di altri Paesi. Ha mantenuto il suo angoscioso primato perfino nei giorni in cui gli Stati Uniti d’America sono stati aggrediti da un fenomeno naturale molto più potente, per ora, degli ordigni che il dittatore di Pyongyang si vanta di stare preparando e che il presidente di ...

Leggi »

Ungheria: Orbán, i migranti e la sentenza europea

Impegnato in una campagna elettorale permanente, il governo dell’ Ungheria guidato da Viktor Orbán continua a cavalcare il tema dell’immigrazione per ampliare il consenso popolare. Il premier tiene a rassicurare i suoi connazionali sul fatto che l’esecutivo veglia su di loro e mantiene la linea dura contro i flussi di migranti clandestini che a suo avviso minacciano la sicurezza del Paese e dell’intera Europa. La decisione di prolungare ...

Leggi »

Populismo moderato ed europeista

Il partito di Grillo, si sa, ha un grande vantaggio che durerà ancora un po’, e cioè di non avere un passato e di poter cancellare per questo la distinzione tra destra e sinistra. Nel Pantheon a 5Stelle ci sono sia Almirante che Berlinguer.

Leggi »

La politica continua a vivere in una bolla di “grandi illusioni” e gli Italiani la puniranno. Urgono alternative

Il sentimento diffuso è che il Paese non sia governato e, soprattutto, che non ci siano le condizioni perché lo diventi prossimamente.

Leggi »