Archivi Tag: benito mussolini

Cos’è la Massoneria. Interivista ad Aldo A.Mola

Massoneria

800 pagine in formato tascabile dense di nomi, dati, fatti, riferimenti e una ricca iconografia documentale che si leggono però come un romanzo d’appendice, mallevadrice la prosa ricercata e colto, fatta anche di molte maiuscole e parecchi guizzi di stile, ma mai inutilmente pomposa o autocompiacente, di un autore che scrive di Clio come un formidabile Emilio Salgari. È la ...

Leggi »

L’indipendenza degli USA e la massoneria in Italia

In questi giorni gli Stati Uniti d’America festeggiano la Dichiarazione di Indipendenza pronunciata in Filadelfia il 4 luglio 1776. Essa proclamò che tutti gli uomini sono creati uguali e dotati di diritti inalienabili: la vita, la libertà e la ricerca della felicità. I suoi estensori, a cominciare da George Washington, padre dell’Indipendenza degli USA, erano quasi tutti massoni  e si ...

Leggi »

Luigi Einaudi (1874-1961 ): liberale, economista, europeista

Sabato 12 maggio il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, renderà omaggio a Luigi Einaudi nel 70° della sua elezione a primo presidente effettivo dello Stato d'Italia (11 maggio 1948). Liberale, monarchico, senatore del Regno dal 6 ottobre 1919, Luigi Einaudi è uno dei giganti della nostra storia con Camillo Cavour e Giovanni Giolitti. Lo ricorda sinteticamente il nostro editorialista, Aldo A. Mola, direttore della Associazione di studi storici Giovanni Giolitti.

Leggi »

Chi sono i vincitori delle elezioni: un’inchiesta sul populismo italiano

L'esito del voto del 4 marzo ha suscitato un vivace dibattito. C'è stato chi ha parlato della nascita di una Terza repubblica, chi della fine di un'epoca, chi dell'inizio di una fase nuova. Ma a ben guardare quanto accaduto non ha nulla di davvero sorprendente: è il risultato di un processo più ampio, che va al di là dei confini storici e geografici della politica italiana.

Leggi »

Non mollare! A Molfetta le giornate celebrative a sessant’anni dalla scomparsa di Gaetano Salvemini

Il 6 settembre 1957, a Sorrento, moriva Gaetano Salvemini, uno dei figli più illustri di Molfetta. Storico, politico ma soprattutto antifascista, dedicò la sua esistenza all’insegnamento e alla lotta ai principi della dittatura di Benito Mussolini tanto da essere anche esiliato. A sessant’anni dal decesso, il Comune di Molfetta intende rendergli omaggio. Infatti, mercoledì 13 settembre alle ore 17,30 presso ...

Leggi »

Stati Uniti d’Europa anche con l’Austria? Si’! Sanzioni pecuniarie contro i fantasmi del presente

I carri armati e le truppe austriache ai confini del Brennero… e’ quanto paventato dai nostri fratelli di Innsbruck e Vienna che parlano la stessa lingua degli altrettanti nostri fratelli di Bolzano e di Zurigo. Certo con gli ultimi siamo -istituzionalmente- un po’ meno fratelli, ma e’ innegabile che lo siamo. Vorrebbero impedire la loro invasione da parte dei 150 ...

Leggi »

L’irriverente affronta la presidente della Camera. Patria e Nazione. Qualcosa non torna, pardon…

Il “Concetto di patria non ha nulla a che vedere con le ideologie nazionaliste. Il nazionalismo esclude, la Patria è inclusiva, il nazionalismo è aggressivo, la Patria è solidale, il nazionalismo costruisce muri, il patriottismo tende la mano agli altri”. Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini in Aula alla Camera all’incontro “Servizio Civile. Giovani per un’Italia solidale”, in ...

Leggi »

L’irriverente toscano. Balocco e gagliardetto col fez? Natale senza

Contrastare la vendita e la diffusione di oggettistica raffigurante immagini, simboli o slogan rievocativi dell’ideologia fascista”. Cosi’ una mozione del Consiglio Regionale della Toscana approvata a maggioranza. Perche’ ““il reato di apologia del fascismo venga prontamente inserito all’interno del codice penale, consentendo l’effettiva repressione di reati legati alla riproduzione e alla diffusione di gesti, linguaggi e simboli del fascismo e ...

Leggi »

Aridatece la Camera dei fasci e delle corporazioni

Nell’estate del 1945, a babbo morto, una mano anonima vergò sulla spalletta del lungotevere a Roma questa scritta: “Aridatece er Puzzone”. Si trattava, manco a dirlo, del cavaliere Benito Mussolini. Nel nostro piccolo non arriviamo a tanto. Ci accontenteremmo di una Camera dei fasci e delle corporazioni resuscitata. E mettiamo subito le mani avanti, a scanso di equivoci. Qui la ...

Leggi »

Haile Selassie I: l’ultimo Re dei Re

Haile Selassie, ultimo Re dei Re, discendente della dinastia di Re Salomone e della Regina di Saba, fu un sovrano illuminato e combattivo, il quale, oltre a battersi strenuamente contro i fascisti, modernizzò la sua terra.   Sembra così lontana ed invece è vicina. Lo è non solo perché i suoi figli si sono rifugiati nelle nostre terre, ma anche ...

Leggi »

La maestrina di Motta Visconti

Sovversiva, socialista rivoluzionaria, fascista, repubblichina, scapigliata, impressionista, forse lesbica certamente disperata è stata la più grande poetessa italiana del ‘900 alla faccia del politicamente corretto! Ada Negri morì a Milano nella notte tra il 10 e l’11 gennaio del 1945. Due giorni dopo al suo funerale c’era pochissima gente: qualche autorità della Repubblica Sociale a cui lei aveva aderito, i ...

Leggi »

Diventiamo tutti tedeschi

O è meglio che Angela Merkel si convinca che degli italiani non si può fare a meno? Chi l’avrebbe mai immaginato che Mario Monti avrebbe “confessato” che la sua segreta aspirazione negli ultimi anni sarebbe stata quella di far diventare gli italiani più tedeschi? Magari per cancellare la brutta immagine dell’arciitaliano Berlusconi – ma ce ne sono tanti di “arci” ...

Leggi »

Giorgio Bocca: ma perché farne un santo?

Rispettiamo la morte, ma ancora di piú la veritá. Per questo siamo sempre in disaccordo con i processi di santificazione che si nutrono di conformismo, opportunismo, mancanza di spirito critico, ipocrisia. Giorgio Bocca é stata una importante personalitá, non un santo. Ha commesso errori, in gioventú e in etá matura. Un polemista, spesso umorale, spesso ingiusto, a volta dalla parte della ...

Leggi »

CONFERENZA DI ZIMMERWALD

Lo scontro fra i partiti socialisti per una posizione sulla prima guerra mondiale e la lezione che ancora se ne può trarre. Oggi l'Internazionale Socialista è più che mai uno strumento di collaborazione politica e di pace internazionale, mentre delle dittature SUL proletariato, dopo l'implosione sovietica, oltre all'interminabile scia di lutti e disperazione, non rimane soltanto che qualche anacronistico baluardo. Di Alessandro Silvestri

Leggi »