Archivi Tag: autocritica

Medio Oriente: la nebbia della guerra e della pace

In principio fu Clausewitz, il generale e teorico prussiano che nel testo pubblicato postumo nel 1832 Von Kriege (della guerra) approcciò il fenomeno della guerra in termini dubitativi, qualitativi e relazionali, cercando di comprenderne la natura ultima dopo la tempesta napoleonica, al di là della sua superficie apparentemente razionale. Dopo di lui Robert S McNamara, già segretario alla Difesa di J.F. Kennedy e Lyndon ...

Leggi »

Non spingete, scappiamo anche noi!

Cantava così una famosa canzone dei Gufi e ben si presta a descrivere una classe politica di amministratori locali letteralmente azzerata nelle ultime elezioni. Ma le riflessioni non si fanno mai a caldo, si fanno a bocce ferme, ma con coraggio. Qualche autocritica e qualche dimissione non ci starebbe poi così male, come d’altronde avviene negli altri paesi d’Europa di ...

Leggi »

Débâcle laburista: la lezione dei seggi dimenticati

Brexit

È stato il celebre regista Ken Loach ad offrire i commenti più incisivi sui risultati delle elezioni suppletive tenutesi il 23 febbraio in due circoscrizioni fin qui considerate del tutto marginali nello scenario politico inglese: Copeland in Cumbria, nell’estremo nord-ovest del Paese, e Stoke, nei vecchi Midlands industriali. Entrambi i collegi erano considerati da sempre roccaforti del partito laburista: negli ...

Leggi »

E’ venuto il momento che Gentiloni parli al paese e definisca l’agenda (come suggerisce Calenda)

Avviso ai naviganti: se dopo aver buttato via il 2016 per colpa del referendum, ora l’Italia dovesse far rotta nel mare periglioso e inquinato di una lotta politica basata sul ritorno o meno di Matteo Renzi, e relativa guerra interna al Pd, dividendosi su legge elettorale – la prossima settimana dovrebbe arrivare il giudizio della Corte Costituzionale sull’Italicum – e ...

Leggi »

Regole semplici per situazioni complesse: breve considerazione sul referendum costituzionale

Non mi sembra proprio il caso di aggiungere altro rispetto a quanto non sia già stato detto o scritto in merito alla riforma costituzionale. Tuttavia, a pochi giorni dalla consultazione, mi preme solo richiamare all’attenzione dei lettori il contesto in cui dovremmo prendere una decisione. Trattandosi, infatti, di un referendum confermativo privo, pertanto, di un quorum di validità ( una ...

Leggi »

Gli erorri in sincrono di Berlusconi e Renzi che rischiano di compromettere l’unica soluzione possibile per il dopo referendum

Matteo Renzi e Silvio Berlusconi

 Che errori. Sarà che un po’ si somigliano, ma in questa concitata fase pre-referendum, Berlusconi e Renzi stanno sbagliando in perfetta sincronia. E a far loro prendere delle cantonate è, more solito, l’ego ipertrofico di cui sono entrambi ampiamente dotati. Clamoroso – ma non inaspettato, almeno per noi – è il comportamento del fondatore di Forza Italia nei confronti di ...

Leggi »

Tra referendum da rinviare e legge elettorale da rifare s’intravede la mano discreta (ma decisiva) di Mattarella

Meno male che c’è Sergio Mattarella. Con la discrezione che gli è propria, il presidente della Repubblica sta svolgendo una diuturna e preziosa opera di contenimento degli errori (ormai seriali) di Matteo Renzi, e di faticosa compensazione delle conseguenze del rapido consumarsi del credito che il presidente del Consiglio si era conquistato due anni fa e che le elezioni europee ...

Leggi »

Dalla Renxit alla Brexit, in Europa non sono i populisti a vincere ma gli establishment a perdere

Renzi in ConfCommercio

Tanto tuonò che piovve. In Italia e nel Regno (dis)Unito. In attesa della Spagna e, poi, degli Stati Uniti. Avevamo suggerito, alla vigilia del secondo turno delle nostre amministrative, di aspettare ad emettere giudizi, perché il voto sulla Brexit e il tentativo di ridare una maggioranza di governo alla Spagna sarebbero stati indicatori non meno importanti per capire l’aria che ...

Leggi »

smarrimenti – n. 32

La sindrome di Peter Pan   L’idea di diventare grandi, di assumersi delle responsabilità, fece sì che un bambino non volle mai diventare grande:  Peter Pan! Ed ecco che, come nella fiaba, osserviamo molti soggetti, soprattutto di sesso maschile, che tardano a mettere su famiglia, lavoratori precari con affetti sempre meno stabili, che ne ricalcano le orme.  Tale condizione non ...

Leggi »

il medioevo

      STORIA DEL MEDIOEVO – Feudalesimo e Cristianesimo medievale     Lo scisma dei tre capitoli     Che cos’è stato e come si è svolto lo scisma dei “Tre Capitoli”? Prima di parlare di questo scisma bisogna fare un breve excursus storico dei rapporti conflittuali che opponevano gli interessi della chiesa latina a quelli della chiesa greca ...

Leggi »

Bad bank in primo piano

Governo Renzi

Il governo Renzi ha fatto i compiti a casa in maniera adeguata prevedendo un veicolo (la bad bank) che si finanzia sul mercato (emissione di bond) per acquistare gli attivi bancari deteriorati. Lo Stato garantirà i bond in caso di perdita. (The Financial Review – Year 53, n.916) Come un fiume carsico la “bad bank” riemerge con il suo carico ...

Leggi »

Ugo La Malfa “Intervista sul non-governo”. Bilancio di cinquant’anni di lotta politica

La Malfa e il PRI (purtroppo non solo loro) ritenevano “inevitabile” il compromesso storico promosso dal PCI di Berlinguer con ciò allineandosi a quella posizione sostanzialmente conservatrice che sottraeva utili energie all’alternativa di regime. Leggere, a trentacinque anni dalla sua prima edizione, queste confessioni di UgoLa Malfami confermano la giustezza della proposta della radicale alternativa liberale al regime democristiano vagheggiata ...

Leggi »

Documento sullo stato del PS, promosso da iscritti, da socialisti senza tessera e da elettori di Sinistra e Libertà

Pubblichiamo il testo di un documento che sarà presentato a Roma il 24, al consiglio Nazionale del PS. La particolarità di questo documento è che esso nasce dalla novità rappresentata dalla rete e nello specifico, dai quotidiani contatti che avvengono su Facebook. Mai era avvenuto infatti, che i singoli individui, avessero la possibilità di ritrovare una Agorà reale (e non già virtuale) dove confrontarsi e discutere quotidianamente dei problemi della società. Questo documento è il primo (almeno in casa socialista) nato grazie alla piattaforma sociale (social network) di FaceBook, dall'elaborazione e dallo scambio di idee, di persone che neanche si conoscevano prima.

Leggi »