Storie come battiti d’ali. Sono i “Racconti in nuce” di Romanelli da leggersi al risveglio

di Serena Bedini | 27 maggio 2018

Oggi il racconto è tornato di moda. Dopo un lunghissimo periodo in cui sembrava che il romanzo lo avesse completamente soppiantato, siamo tornati di buon grado alla forma breve e ci dedichiamo con piacere alla lettura di racconti. Perché? Forse perché il tempo libero a disposizione è sempre meno, forse perché un racconto si legge anche nel tragitto in tram o nella pausa pranzo, forse perché la sua struttura è per forza di cose meno articolata di quella del romanzo eppure arriva al cuore, lì rimane e contiene emozioni “a lento rilascio”. Ovviamente tutto questo avviene se si tratta di un racconto ben scritto, ben ponderato, dallo stile scorrevole e con storie che si dipanano sotto i nostri occhi rapide, un po’ come le cose belle, quelle che si verificano in un batter d’occhio e lasciano al loro passaggio la traccia di un sorriso. Ebbene, tutte queste caratteristiche sono perfettamente ascrivibili a Racconti in nuce di Leonardo Romanelli,  (Mauro Pagliai editore) noto e raffinato critico enogastronomico, qui a una prova narrativa superata in modo brillante. Leggi tutto: http://www.toscanalibri.it/it/scritti/storie-come-battiti-d-ali-sono-i-racconti-in-nuce-di-romanelli-da-leggersi-al-risveglio_2677.html

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*