Serata emozionante e coinvolgente nella tristezza e nel dolore, sublimate dalla vivacità e dalla speranza

di Carla Ceretelli | 29 novembre 2017

Serata emozionante e coinvolgente nella tristezza e nel dolore, sublimate dalla vivacità e dalla speranza.
Condivisione di pensiero politico e sociale e lunedi all’Obi, grazie allo strenuo lavoro dello Sceriffo e del Presidente Nicola Cariglia attorniati dal prezioso  staff della Fondazione Turati.  La nota location si è riempita di circa 1200 ospiti, che hanno ascoltato con  emozione e interesse  le vicende  personali di chi è stato toccato da patologie gravi quali l’inglese e il tedesco, come è solito chiamarle Graziano Cioni per sdrammatizzare con l’ironia che gli è propria la situazione spesso tragica in cui versano ammalati e familiari.
Ecco dunque  il ping pong dei ringraziamenti reciproci dei due protagonisti veri, quelli che stanno portando avanti l’ambizioso progetto di insediare  anche nella nostra città un Centro per il quale stanno individuando e forse hanno già trovato la location.
“Caro Graziano grazie a te e a tutti gli amministratori della Fondazione TURATI che vi dedicate disinteressatamente ma a tempo pieno. Le adesioni alla serata di lunedì 27 novembre all’ Obihall mi impressionano per qualità e quantità. Chiedi al mitico Mitolo se può ancora aggiungere posti a tavola. E prepariamo qualche altra sorpresa..”
“Caro Nicola, grazie a te e al Consiglio di Amministrazione, per aver impresso alla Turati una visione di Servizio a tutto campo, per avere, in continuità con il passato della Fondazione e di coloro che in altri tempi l’hanno guidata, fatto del benessere della persona la stella polare di tutto il personale che ci lavora.
Il grande merito della Fondazione Filippo Turati lo trovi scorrendo la lista dei partecipanti alla serata di lunedi 27.
Il tema e gli scopi dell’evento hanno riunito nella stessa sala dell’Obi Hall,allo stesso tavolo fianco a fianco, persone di appartenenze politiche diverse e opposte, ma uniti nella difesa della dignità della persona.”
Il clou della serata è stato il racconto   del Dottor Zini, medico, affetto dal Parkinson. Ha sempre rifiutato la terapia farmacologica sostenendo che la molecola è deleteria e invasiva. Mentre ha accettato, insieme a circa un migliaio di pazienti,  di fare da  apripista a un innovativo intervento che ha dato ottimi risultati, offrendo punto di riferimento e speranza ai  250.000 pazienti conclamati.
Infatti, durante la conviviale,   ha potuto descrivere la propria esperienza  in tutta tranquillità emotiva e fisica.
Nella seconda parte della serata  vivacità e divertimento  hanno sollevato il pubblico  perchè, come sostiene con spirito  di abnegazione  Graziano, non ci si deve meravigliare  dato che  “chi deve sopportare il peso della malattia, vive di speranza,  e il divertimento e la bella compagnia, fanno più delle medicine”.
Abbiamo assistito dunque alle boutade di vari attori/ comici che, insieme alle  danzatrici molto apprezzate per la loro bellezza leggiadria e raffinatezza,  hanno allietato gli ospiti.
Carla Ceretelli
Nata a Sesto fiorentino, risiede da sempre a Firenze, attualmente nella Piazza di Santa Croce. Laureata in in Pedagogia qualche decennio fa, non ha mai amato l'insegnamento e ha scelto di affiancare il marito farmacista nella conduzione della Farmacia Logge del grano, nella Via de' Neri, per oltre 25 anni. Impegnata in politica attiva sul territorio è stata Consigliere del Quartiere Uno Centro Storico dal 99 al 2009. Da qualche anno si è affrancata dal lavoro e si dedica a varie occupazioni nel sociale, nel volontariato e canta nel coro "Accademia del Diletto" di Giorgiana Corsini. Ha sempre amato scrivere e avrebbe voluto fare la giornalista ma da giovane non ne ha avuto l'opportunità e forse neppure il coraggio. Ma ha sempre scribacchiato in modo non professionale. E, per la serie non è mai troppo tardi, collabora ora molto volentieri con Pensalibero.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*