San Giuseppe e Maria tirati in ballo dai repubblicani dell’Alabama

di Oscar Bartoli | 12 novembre 2017

Questa poi…: il Washington Post ha pubblicato la denuncia di una donna che quando aveva 14 anni e’ stata molestata sessualmente da un tale che allora di anni ne aveva 32 e che adesso e’ il candidato repubblicano per l’elezione a senatore dell’Alabama.

Rooy Moore un giudice molto bizzarro che si presenta nei comizi sfoggiando pistola e cappello da cowboy sembra che non si sia limitato solo alla ragazzina di 14 anni ma abbia esercitato i suoi pesanti approcci sessuali anche su altre adolescenti che allora avevano 17 anni.

La storia pubblicata dal Post ha creato una ulteriore frattura tra i repubblicani molti dei quali a livello senatoriale hanno invitato il porcellone di turno a dimettersi dalla competizione elettorale.

Ma siccome l’America e’ ormai caratterizzata da personaggi incredibili di estrema destra,  merita un cenno la reazione pubblica di Jim Zeigle, Alabama State Auditor, che ha difeso Rooy Moore ricordando che anche il falegname Giuseppe era un adulto che ha sposato una fanciulla di 14 anni, Maria.

Quindi il suo amico e esponente repubblicano, ammesso che la denuncia sia vera, non si sarebbe discostato dalla tradizione evangelica.

Oscar Bartoli     (letter from Washington)

Avvocato, giornalista pubblicista, collabora con molti media italiani. Risiede negli Stati Uniti dal 1994 e vive tra Washington D.C. e Los Angeles. Ha lavorato per molti anni nel gruppo SMI,leader europeo nel settore metalli non ferrosi, successivamente nell’IRI come responsabile dei contatti con i media e in seguito direttore IRI USA. Ha insegnato per dieci anni alla scuola di giornalismo della Luiss e per due anni alla Catholic University di Washington DC. Tiene un corso sulla comunicazione nel Master di Relazioni Internazionali dello IULM di Milano. Da giovane, per pagarsi gli studi ma, soprattutto, perche’ gli piaceva, ha lavorato come chitarrista – cantante suonando nelle case del popolo, circoli cattolici, night clubs, radio e televisione. Gli articoli per la rubrica Pillole d’Oltreatlantico sono pubblicati dal blog Letter from Washington DC

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*