Riemerge l’America razzista di Trump

di Oscar Bartoli | 5 giugno 2018

Roseanne Barr da anni conduce una sitcom su ABC seguita da 18 milioni di persone.

In un tweet ha detto che Valery Jarrett, assistente per molto tempo del presidente Obama, e’ un incrocio con una scimmia.

I massimi dirigenti di ABC hanno immediatamente preso provvedimenti, cancellando il programma della Barr nonostante il danno economico relativo alla pubblicita’.

La reazione di Trump e’ stata stupefacente. Ha cominciato ad urlare che si trattava di una decisione idiota tenendo conto dei 18 milioni di spettatori e avvalorando quindi la pesante offesa razzista della attrice.

Questo episodio si inserisce in un contesto caratterizzato dal risorgere di miasmi razzisti in linea con il comportamento schizoide del presidente.

Per fortuna vi sono personaggi come il fondatore e CEO di Starbucks che ha deciso la chiusura per un giorno di ottomila caffe’  per consentire al personale di fare training etico per evitare il ripetersi di un incidente che ha visto due giovani neri essere stati buttati fuori da uno Starbucks solo per il fatto di avere la pelle scura.

 

Oscar Bartoli    (letter from Washington)

 

Oscar Bartoli, Avvocato, giornalista pubblicista, collabora con molti media italiani. Risiede negli Stati Uniti dal 1994 e vive tra Washington D.C. e Los Angeles. Ha lavorato per molti anni nel gruppo SMI,leader europeo nel settore metalli non ferrosi, successivamente nell'IRI come responsabile dei contatti con i media e in seguito direttore IRI USA. Ha insegnato per dieci anni alla scuola di giornalismo della Luiss e per due anni alla Catholic University di Washington DC. Tiene un corso sulla comunicazione nel Master di Relazioni Internazionali dello IULM di Milano. Da giovane, per pagarsi gli studi ma, soprattutto, perche' gli piaceva, ha lavorato come chitarrista - cantante suonando nelle case del popolo, circoli cattolici, night clubs, radio e televisione. Gli articoli per la rubrica Pillole d'Oltreatlantico sono pubblicati dal blog Letter from Washington DC

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*