Renato Fantoni “Giusto tra le Nazioni”. Firenze, Sinagoga, giovedi 30 marzo, ore 11,00

di Adalberto Scarlino | 27 marzo 2017

Renato Fantoni ( 1894 – 1954 ) : assicuratore, dal 1926, dell’agenzia fiorentina R.A.S.; procuratore, nella stessa, dal 1935 ; vicedirettore, nel 1924-1925, del Risorgimento, il giornale liberale fondato da Vittorio Fossombroni; custode,  negli anni del regìme mussoliniano, dell’archivio del P.L.I.e della storica bandera tricolore  su cui era cucita l’iscrizione “passò con essa tutta la nostra storia, dal dì della riscossa al dì della vittoria”; rappresentante del Partito Liberale nel  Comitato Toscano di Liberazione Nazionale insieme ad Aldobrando Medici Tornaquinci, Eugenio Artom, Marino Mari. Guglielmo di San Giorgio.
Renato Fantoni fu , negli ultimi anni della seconda guerra, redattore del foglio d’informazione  L’Opinione, che nei mesi drammatici dell’occupazione nazista fu per un breve periodo l’unica pubblicazione fiorentina in grado di tenere informata la popolazione ( “un giornale murale – parole di Carlo Francovich – capace di denunciare i
tedeschi in brevi editoriali, esporre il programma liberale, pubblicare le ordinanze del CTLN, dare consigli pratici ai cittadini per le difficoltà della sopravvivenza quotidiana” ).

Membro, dall’11 agosto 1944, della “giunta della liberazione”, insieme ad altri due liberali come Vittorio Fossombroni e  Giacomo Devoto, incaricato di occuparsi del problema della casa,  poi, nel maggio 1945, assessore alla nettezza urbana nella giunta del sindaco Gaetano Pieraccini, Renato Fantoni continuerà anche negli anni successivi ad avere incarichi amministrativi ( nella commissione tributaria, per esempio ) , partecipando sempre, peraltro, alla vita di partito
Insignito di medaglia d’oro alla memoria dal sindaco Luciano Bausi nel 1974, poi di analoga onorificenza dal sindaco Elio Gabbuggiani, al suo nome sono intitolate due strade: nel comune di Vaglia e in quello di Firenze.
Adesso , dal Parlamento di Israele, il riconoscimento di “Giusto tra le Nazioni”,  per  il soccorso dato ad ebrei perseguitati a causa dalle leggi razziali.

Adalberto Scarlino

Su Renato Fantoni, vedi Pagine Ebraiche – Italia Ebraica, settembre 2016, pagine 8 e 9;
Marisa Brambilla – Gianni Fantoni, Resistenza Liberale a Firenze, prefazione di Zeffiro Ciuffoletti, Elidir, Livorno-Roma, 1955;
Marisa Brambilla, – Gianni Fantoni, Gli anni della ricostruzione, il contributo dei liberali fiorentini alla vita politica e amministrativa del dopoguerra, Edizioni Agemina, Firenze, 2011

L’invito da parte dell’Ambasciata d’Israele

Adalberto Scarlino ha svolto per lunghi anni l'attività di insegnante di italiano e storia nelel scuole medie superiori. Iscritto fin da giovanissimo al Partito Liberale Italiano è stato consigliere comunale di Scandicci negli anni sessanta e, tra gli anni ottanta e novanta, consigliere comunale a Firenze ed assessore nelle giunte Bonsanti, Lando Conti, Bogianckino e Morales. Segretario del circolo culturale Piero Gobetti e co-fondatore del Gruppo dei Centouno , è presidente del Comitato Fiorentino per il Risorgimento. E' autore, con Silvestra Bietoletti, di "Firenze, percorsi risorgimentali " , Lucio Pugliese editore, seconda edizione 2010.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*