Ma io cosa posso fare?

Una “call to action” su 6 dimensioni dell’inquinamento mondiale: aria, sostanze chimiche, acqua, suolo, mare e rifiuti, voluta dall’Onu.

di Cristina Arduini | 6 maggio 2018

Diventare cittadini consapevoli è un lavoro. Per avere informazioni attendibili nel “brodo primordiale” dei vari social network, conviene rivolgersi ai siti istituzionali. Può essere che siano un po’ noiosi, ma sicuramente non raccontano storie. Citano leggi, studi accreditati e molti di loro fanno ottima comunicazione.
Uno di questi, ma ce ne sono molti altri come Regioni – Ambiente, Ispra, ecc., è il sito dell’Agenzia Regionale della Protezione dell’Ambiente della Regione Toscana che offre una vasta panoramica di temi ambientali, sempre aggiornatissimo sulle ultime proposte e campagne sia nazionali che internazionali.
Facendo riferimento al precedente articolo pubblicato in tema siccità, dove, invitando a darci da fare, chiedevo a tutti di fare un piccolo sforzo quotidiano, vi suggerisco alcuni comportamenti “virtuosi”. Anzi è direttamente la più prestigiosa organizzazione mondiale, ONU o Nazioni Unite a suggerirveli.
Ha recentemente invitato, tramite il portale BeatPollution, tutte le istituzioni, i governi, le associazioni e soprattutto semplici cittadini ad impegnarsi volontariamente per combattere l’inquinamento, che contribuisce alla morte di milioni di persone ogni anno. E la fa in modo molto semplice tramite delle infografiche, ossia delle immagini che suggeriscono alcuni comportamenti da tenere nella vita quotidiana, ponendo sempre il dialogo o la cooperazione con le istituzioni come cardine di qualsiasi azione.
Le infografiche proposte sono suddivise per i sei temi individuati e qui ve ne propongo solo due. Le altre le trovate sul sito di Arpa Toscana.

Poi, quando avete deciso quali azioni vi impegnate a fare, iscrivetevi sul portale dell’Onu e indicatele. E applicatele.

Vi prometto che non vincerete niente ma, chissà magari, regalate un ambiente pulito ai vostri figli e nipoti.

ACQUA

ARIA

Cristina Arduini  (lavocemetropolitana.it)

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*