L’irriverente a Lecce. Natale, tristezza, consumi, rottura e Bukowski

di Alessandro Gallucci | 3 Dic 2018

Sembra che in città una delle priorità sia quella di addobbare strade e vicoli a festa, per l’arrivo del Natale. Esistono consiglieri comunali d’opposizione e forze politiche che si beano con luci e ninnoli, ritenendoli capaci d’accendere l’entusiasmo natalizio e sopratutto di
spingere i consumi. Che anime belle! Dopo l’ennesima uscita d’un consigliere comunale del centro destra sul Natale triste in città (a novembre mese dei morti loro e di tutti sembra che la città dovesse essere piena di addobbi) e dopo una simile presa di posizione di Casa Pound, mi viene da dire: carissimi supposti rappresentanti del popolo, biondatori urbi et orbi, raccoglitori di svuotato consenso… avete rotto il cazzo. So che è sbagliato fare ricorso alle parolacce, perchè si dimostra d’avere un linguaggio limitato e alle volte pochi argomenti da contrapporre. Ogni tanto, però, è salutare. Ma chiedo scusa, rinsavisco e invito gli augùri del consumismo cittadino a fare proprie le parole di Bukowski e smetterla di tediarci. “È Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti. Io vorrei un dicembre a luci spente e con le persone accese.”

Alessandro Gallucci
Delegato sede ADUC di Lecce,

via di Porcigliano n. 46, tel 339-7855670

legale, delegato Aduc per Lecce-www.aduc.it

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*