Letterappenninica con Tito Barbini e “Don Patagonia” alla “Turati” di Gavinana

di Elena Pianorsi | 2 agosto 2017

“IL cacciatore di ombre: in viaggio con Don Patagonia”. Edito nel 2016 da Aska, questo libro di Tito Barbini (scrittore aretino, già importante politico toscano) viene presentato, nell’ambito di Letterappenninica 2017, a Gavinana (Pt), all’interno della Fondazione Filippo Turati, venerdì 4 agosto ore 16:00 alla presenza dell’autore.

Sarà anche proiettato un raro video che testimonia l’attività di questo coraggioso missionario salesiano (1883-1960) in Patagonia e nelle Terre del Fuoco.

Alberto Maria de Agostini (fratello minore di Giovanni, fondatore della omonima casa editrice specializzata in cartografie) partì dal Piemonte nel 1910 in direzione Patagonia e qui, per decenni, fu non solo prete cattolico ma anche alpinista, esploratore, geografo, cartografo, fotografo, etnologo, scrittore e difensore dei diritti delle popolazioni indigene.

Tanto da meritarsi l’appellativo di “don Patagonia” diventando, in quelle comunità, una sorte di eroe. In Cile gli é dedicato un grande parco e anche intitolato un fiordo lungo 35 chilometri.

Per la Fondazione Turati di Gavinana è motivo di orgoglio ospitare Tito Barbini, in passato assessore regionale tra i più apprezzati per la sua concretezza e per la sua grandissima umanità. Ed è un importantissimo riconoscimento che la più importante manifestazione culturale della montagna pistoiese abbia scelto proprio il nostro Centro Socio Sanitario come sede di una delle sue principali tappe.

Elena Pianorsi, fiorentina, opera nel settore della comunicazione istituzionale. Per la Fondazione Turati Onlus segue l'Ufficio Comunicazione e Stampa.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*