Lelio Lagorio, a Firenze la commemorazione con Nardella e Nencini

Lelio Lagorio

di Nicola Cariglia | 16 febbraio 2017

“Una vita per le istituzioni”. È il titolo della commemorazione di Lelio Lagorio, ex ministro socialista e primo presidente della Regione Toscana, che si svolgerà sabato 18 febbraio a Firenze.

All’evento, in programma alle ore 10 nella Sala Luca Giordano di Palazzo Medici Riccardi (via Cavour 3) parteciperanno il sindaco di Firenze Dario Nardella, il viceministro alle Infrastrutture e segretario nazionale del PSI Riccardo Nencini, Giorgio Morales, Paolo Armaroli, Franco Camarlinghi e Nicola Cariglia.

Lelio Lagorio è stato uno dei più importanti esponenti politici ed istituzionali toscani della seconda metà del secolo scorso. Nato a Trieste nel 1925 si era trasferito a Firenze con la famiglia da bambino. Tra gli incarichi ricoperti, quelli di Sindaco di Firenze, presidente della Regione, Ministro della Difesa, del Turismo e più volte parlamentare nazionale ed europeo.

E’ scomparso a Firenze il 6 gennaio scorso all’età di 91 anni. La commemorazione di sabato prossimo, promossa da Italia Spirito Libero, sarà l’occasione per i tanti amici ed estimatori che lo hanno seguito nella sua lunga vicenda politica per tributargli l’estremo saluto dopo che i funerali, come ha ricordato la figlia Silvia, si erano svolti con rito civile ed in forma privata.

Nicola Cariglia

Presidente

Nicola Cariglia ha svolto un’intensa attività giornalistica in RAI, dove entra nel 1970. Per vari anni è stato Vice Direttore della Direzione Esteri RAI (auttalmente RAI International), Direttore della Sede di Pescara e Direttore della Sede RAI per la Toscana.
Ha avuto anche una importante parentesi politico-amministrativa, ricoprendo tra gli altri incarichi quello di Vicesindaco di Firenze e Presidente della Società di gestione dell’Aeroporto di Firenze.
Dal 2002 è Presidente e co-fondatore del Gruppo dei Centouno e Direttore di PensaLibero.it
Dal 2009 è Presidente della Fondazione Filippo Turati, Ente Morale Onlus associato alle Nazioni Unite.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*