La scrittura poetica di Mario Luzi da “La barca” a “Biografia a Ebe”

di Serena Bedini | 31 ottobre 2017

Leggere pagine di critica letteraria non è semplice. Scansata dai non addetti ai lavori, è spesso un genere precluso ai più. Eppure il volume “Sulla prima scrittura poetica di Mario Luzi. Dalla Barca a Ebe” (Franco Cesati Editore) rappresenta in quest’ambito un’eccezione, vista la capacità dell’autrice, Noemi Corcione, di mantenere uno stile fluido ed elegante, piacevole e chiaro. Così nel corso della lettura è quasi “facile”, nonostante la complessità e la profondità della materia trattata, arrivare a conoscere le tematiche fondamentali che vengono affrontate nella prima opera luziana e apprezzarne la raffinatezza formale, sotto la guida sapiente dell’autrice. In questo studio infatti si affronta la produzione poetica di Luzi, dagli esordi, quando giovanissimo aderì all’Ermetismo, alla Biografia a Ebe.

Questi inizi, così ricchi di istanze, sono basilari per comprendere molti dei motivi esistenziali che caratterizzeranno le composizioni di Luzi successivamente, contenendo già in nuce quei temi cari all’autore toscano. Vi è nella prima raccolta, La barca, la ricerca profondamente sentita della verità che consenta la comprensione della sfuggente realtà in cui ci muoviamo, così da giungere alla piena consapevolezza della vita. «Lo specifico ineliminabile di questa prima scrittura luziana si manifesta allora come l’immagine di un’esistenza continuamente immersa in un flusso vitale che, pur tramite di conoscenza e stupore, non sempre elimina il sospetto sulla effettiva possibilità di realizzazione di quel desiderio di tutto voler comprendere per poter nuovamente rinascere» (p. 16). Leggi tutto: http://www.toscanalibri.it/it/scritti/la-scrittura-poetica-di-mario-luzi-da-la-barca-a-biografia-a-ebe_2602.html

 

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*