Il manifesto del Partito Comunista ha 170 anni (1848-2018)

di Achille Canzi | 23 luglio 2018

Questo opuscolo, considerato la Bibbia del Proletariato, ha tracciato le linee di sviluppo dell’industrialismo, preconizzando anche l’eclissi dell’economia borghese, attualmente rappresentata dalla finanziarizzazione della società.

Vediamone i punti cardine.

Primo: l’industrialismo ha creato una nuova classe sociale come sottoprodotto della borghesia.

Secondo: quando le condizioni di sussistenza del proletariato cadono al di sotto del minimo vitale si viene a creare una situazione rivoluzionaria.

Terzo: concentrazione nello Stato di tutti i mezzi di produzione e di scambio (fase transitoria).

Quarto: estinzione dello Stato e formazione di un’associazione di uomini liberi ed eguali dove la libertà di ciascuno è condizione per la libertà di tutti.

L’emancipazione dei lavoratori deve essere opera dei lavoratori stessi.

“Proletari di tutto il mondo unitevi!”

Achille Canzi

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*