Il clan di Giano e altri racconti (Armando editore, 2018, Libri illustrati) Una recensione di Roberto Guerra

di Angelo Giubileo | 8 ottobre 2018

Una recensione di Roberto Guerra al libro di Mariella Valdiserri

Tre fiabe interattive dedicate ai nativi digitali: “Le avventure del Clan dì Giano”, “La Casa di Babbo Natale” e “La Magia delle acque”. Ai piccoli viene data la possibilità di interagire con i personaggi delle fiabe. Utilizzeranno cellulari, tablet, geolocalizzazione e altro per cercare gli animaletti nel bosco, le fatine delle acque magiche, Babbo Natale…”

Una “Favola” vera moderna (con anche Babbo Natale protagonista) celebra la magica città toscana di Chianciano Terme, famosa per le sue acque terapeutiche, laghi e colline e non solo, già terra degli Etruschi e dei Romani: oggi – quasi come una macchina del tempo, riformattata sul piano turistico culturale, con un sapiente mix tra il presente e le sue origini.

Una favola stessa che piacerebbe molto a Bruno Bettelheim, Andersen, Rodari o Calvino, in un paradosso virtuale e-o reale che conferma come non mai il significato nientaffatto solo fantastico del fabulare ma la sua logica diversemente reale e psicologico quotidiana.

E nessuna nostalgia del c’era una volta, fiabe addirittura interattive per i bambini dell’era elettronica e di Internet: qua l’immaginario è vivente nel presente e proiettato nel futuro, con bambini con Smartphone che grazie al geocalizzazione, nel racconto finale La Magia delle Acque (tributo alle “leggendarie” sorgenti che da la fama da sempre a Chianciano Terme) risolvono “il mistero che avvolge le fonti miracolose del villaggio che fu…”.

E infatti scoprono le 5 originarie sorgenti naturali, rintracciando i suoi custodi etruschi e romani (gli dei venerati dalle antiche popolazioni del territorio): ovvero Giano, Tinia/Giove, Tesan/dea dell’Aurora, Theia/Selene, il Parco dell’Acqua Santa , la sorgente dell’acqua santissima, il Bosco dei Fucoli, il Parco di Sillene (le “acque che proteggono – proprio – i banbini), persino un “inedito” Parco del futuro di un artista contemporaneo, il tutto “mimetizzato” nelle meraviglie della Natura di Chianciano Terme.

Tornando a Babbo Natale, nel secondo racconto, l’eterno Santa Claus, consigliato in un inverno ultra rigido e inquietante al Polo Nord che l’ha “stressato” dal suo entourage di folletti, gnomi, renne e maghi, guarisce e torna in forma, traslocando proprio nel clima e l’incanto di Chianciano Terme: così, nonostante l’inverno eccezionale anche per il Polo Nord, ( metaforicamente nonostante il nostro tempo materialistico sembri smemorato della bellezza delle fiabe), Babbo Natale riesce ancora una volta a volare per portare i doni a tutti i bambini del mondo, alla velocità di un’astronave quasi aliena. (E .. da quel giorno…ogni anno, da novembre, special guest a Chianciano Terme , “realmente” con evento per festeggiare il Natale..).

Sullo sfondo… sempre il primo racconto che da il titolo a questo libro oportunamente anche illustrato con perizia minimalista: ovvero Il clan di Giano, i 12 animaletti dai nomi etruschi, ispirato, riassumendo, dalle antiche divinità etrusche e che danno i nomi a tutte le bellezze moderne, naturali e urbano/artificiali della comunità di Chianciano Terme (Hercle- la tartaruga, Usil, lo scoiattolo, Uni, la cerbiattina, Selvans e cos’ via, tra impianti sportivi, parchi e piscine termali, ecc.

Molto bella anche, quasi come un personaggio e voce narrante fuori campo, l’introduzione del sindaco (A. Marchetti) della città toscana e… neoetrusca.

Il libro fiaba è destinato ai bambini, ma come sempre per l’infanzia letteraria, godibile anche per i bambini del futuro, diventati grandi….

Mariella Valdiserri, giornalista di moda, insegnante di scrittura giornalistica all’Accademia del Lusso e docente di Moda all’Accademia di Belle Arti. Giornalista, lauree in Lingue e letterature straniere, inizia a lavorare in sala stampa della Camera. Già direttore di Donna Oggi e Regione Lazio ha condotto il programma RAI sul Made in Italy. Corrispondente del Corriere Canadese è redattrice di Rendez-vous de la Mode e Women & Bride. Docente per Accademia di Belle Arti e Accademia del Lusso. Art director del Premio Moda Ninfa Egeria, ideatrice del Premio Raffaello per NEW Talents, ha collaborato con Messaggero, L’Ora, RAI 3, Costume e società e Corriere Montreal.

Info

https://www.ibs.it/clan-di-giano-altri-racconti-libro-mariella-valdiserri/e/9788869924149?inventoryId=101249986

Angelo Giubileo Vicedirettore per il Sud di Pensalibero. Filosofo e giornalista, esperto di previdenza obbligatoria e complementare. Già cultore della materia presso le cattedre di Filosofia del diritto, Teoria dell’interpretazione e Logica giuridica all’Università degli Studi di Salerno. Socio fondatore dell’ Associazione Nazionale per la Rosa nel Pugno e collaboratore per il gruppo parlamentare della Rosa nel Pugno. Responsabile di processo presso l'INPS. Tra le sue pubblicazioni: Etica della conoscenza (Salerno, 1999), I fondi pensione nel pubblico impiego (Giubileo-Sarti, Parma 2003), Conviene aderire a Espero? (Giubileo- Sarti, Parma 2006), Terzo Rapporto INPDAP sulla previdenza complementare (AA.VV., Roma 2011), "Sulla natura delle cose" ( 2016), "Scritti politico-liberali" (2016), "Il mondo come possibilità" (2017). Intensa anche l'attività giornalistica su quotidiani e periodici tra i quali: Corriere di Como (pubblicazione distribuita insieme al Corriere della Sera), Cronache di Salerno, I Confronti (on line), Spazio economia (on line), Affari pubblici (on line), Salerno notizie (on line), Pais (periodico cartaceo d'informazione scolastica)

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*