Femmine libere… era ora!

di Alessandro Bertirotti | 30 novembre 2016

È tutta questione di… evoluzione.

Bene, era ora che anche qui si giungesse a questa consapevolezza, a questa conquista di civiltà biologica universale.

È l’ora di finirla con questo relativismo assoluto, grazie al quale un certa para-ideologia progressista ci ha abituato, facendoci credere che sia necessario rispettare tutte le culture, come se le culture fossero qualcosa di estraneo alla natura biologicamente determinata della nostra specie.

Invito tutti a leggere Steven Pinker, che ci spiega, nel suo meraviglioso Tabula rasa, perché siamo in un mondo in cui abbiamo demonizzato tutto quello che è possibile ricondurre al concetto di natura, naturale e dunque biologico. E ovviamente a vantaggio di una presunta, e politicamente strumentalizzabile, superiorità della cultura. Ed utilizzo questo termine in senso antropologico, ossia slegato dall’idea di alfabetizzazione elevata. Legato, invece, a quell’insieme di atteggiamenti e comportamenti compartecipati da un gruppo sociale di individui, nell’affrontare le sfide che la realtà geografica e territoriale pone loro.

Ecco che anche il concetto di onore non può essere disgiunto dall’onorabilità della vita umana in quanto tale. Però, e lo vediamo anche noi, in questo nostro caro civilizzato Occidente, si operano differenze fra la vita di un maschietto e quella di una femminuccia, con l’adesione esplicita a valori decisamente differenziati.

E quando si vede troppa differenza con gli altri, si è quasi sempre portati a definirsi i migliori, in questa presunta differenza. Ma siamo, invece, molto più simili e banali che originali, che unici. Forse, dovremmo cominciare a capirlo, specialmente noi maschi, perché le femmine, quelle giuste e sane, facendo figli tanto maschili quanto femminili, elargiscono loro amore in egual misura. E se sbagliano qualche cosa anche loro, questo accade perché partecipano, come noi, agli stessi modelli culturali.

Alessandro Bertirotti

329

Alessandro Bertirotti, antropologo della mente, è nato nel 1964. Si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio Statale di Musica di Pescara e laureato in Pedagogia presso l'Università degli Studi di Firenze. È Vice Segretario Generale dell’Organizzazione Internazionale della Carta dell’Educazione CCLP Worldwide dell’UNESCO, membro del Comitato Scientifico Internazionale del CCLP e Presidente Internazionale della Philomath Association È docente di Psicologia Generale presso il Dipartimento di Scienze per l'Architettura della Scuola Politecnica dell'Università degli Studi di Genova e Visiting Professor di Anthorpology of Mind presso la Universidad Externado de Colombia, a Bogotà.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*