Elezioni 2018. Lega: flat tax al 15%? “Una colossale sciocchezza”, dice l’IBL, che ha una sua proposta

di Primo Mastrantoni | 16 aprile 2018

Tutti vorremmo pagare meno tasse, ma sul come fare, le opinioni divergono.
Intanto, non vorremmo essere presi in giro.

La Lega propone la flat tax (tassa piatta), cioè una tassazione unica, al 15%. Fattibile? Abbiamo dei dubbi, come già scritto (1).

Sulla proposta della Lega, interviene l’Istituto Bruno Leoni (Ibl), un centro che elabora studi e ricerche per il libero mercato e, ogni anno, pubblica l’indice delle liberalizzazioni in Europa.

L’IbL è molto chiaro: la flat tax, così come proposta, serve ad acchiappare voti. “Si lascia credere che in questo modo le tasse diminuiranno. Naturalmente è una colossale sciocchezza”, e ancora, “I partiti sostenitori della flat tax, però, lasciano intendere che in questo modo si pagherà meno. “Non è vero”, aggiunge l’Ibl.

L’Ibl non è contrario alla tassa unica (flat tax), se accompagnata da una serie di interventi che consentano di evitare falle nei conti pubblici, infatti, ha una sua proposta basata sull’aliquota unica al 25%, associata a una razionalizzazione della spesa pubblica (spending review) e un intervento sulle deduzioni e detrazioni.

Insomma, la flat tax al 15%, così come proposta dalla Lega, è una bufala.

(1) https://www.aduc.it/comunicato/elezioni+2018+lega+flat+tax+al+15+sogno+realta_27735.php

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Segretario ADUC

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*