Digiuno a staffetta

di Enrico Martelloni | 9 ottobre 2017

Cari amici siamo al Delirio, macché scrivo: siamo oltre, al punto da farci prendere per la meloria da questi. Eppure hanno avuto il coraggio di farlo: la staffetta del digiuno…roba che se la vedesse Gandhi, gli si rovescerebbero le budella. ” Dai, dai, resisti Bindi un’ ti contorcere così.. ora arriva Delrio, se non ci si è buttato dentro e affogato, nel rio, a darti il cambio e potrai mangiare quante ghiande vuoi ! ah no preferisci i Pici all’aglione e pollo ruspante con patate alla ghiotta…si va bene, ma resisti, perdio! ” ” Sì, devi resistere non vorrai mica che questi poveri cinesi restino senza la Ius soli?” Incitò un altro che del digiuno avea fatto porchetta, in quanto ormai attendeva il suo turno rimpinzato come un maiale. ” Come sarebbe a dire: cinesi ? Gli importa una beata…a loro!” rispose la Bindi con uno sguardo interrogativo, quanto se non bello, intelligente. ” Delrio, non mi ha detto nulla! Io pensavo solo ai poveri negretti con le guancine tonde e i’ buzzino di fori” a quel punto Delrio d’allora giunto stremato dal digiuno, s’avvide dell’equivoco ” Oh Rosy, ma si parla della Ius Soli, mica soli per gli africani…Per tutti, anche cinesi, anche se a loro non gli frega nulla, perché fanno i lavori che non piacciono agli italiani…” Vero si potrebbe aggiungere, perché glielo hanno soffiato. Tirano a fare quattrini, senza pagare un centesimo di tasse, vivono alcuni in ville e molti segregati nei capannoni…Chissà da chi avranno imparato ?.boh…?

Enrico Martelloni

Fiorentino di nascita ma senese d'adozione, disegna su qualsiasi elemento gli capiti in mano, passando da una vignetta pungente ed irridente ad un ritratto del proprio interlocutore con estrema naturalezza. Nasconde una profonda sensibilità ai temi ucraini, ben raccontati su questo sito.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*