Democrazia è sovranità. Sovranità è socialismo. Socialismo è amore. Amore è libertà

Nei tempi moderni non esiste alcuna libertà. Ma solo schiavitù: del mercato, della pubblicità, delle mode, della tecnologia, del sesso…

di Luca Bagatin | 21 Maggio 2018

La libertà, nel mondo materiale, trovo sia pura illusione.
L’essere umano può tendere verso la libertà, ma mai raggiungerla. La libertà non è un orgasmo !
L’unica vera libertà è quella dello Spirito.
Nei tempi moderni non esiste alcuna libertà. Ma solo schiavitù: del mercato, della pubblicità, delle mode, della tecnologia, del sesso…
L’Amore è libertà. Ma l’Amore, è di questo mondo ?

Personalmente non credo nel relativismo, così come non credo nell’ateismo.
Penso siano specchietti per le allodole promossi dal modernismo e dal progressismo per illudere le masse. La libertà è prima di tutto interiore. Il massimo che si può e si dovrebbe poter ottenere in questo mondo – e non è poco – è quell’emancipazione materiale e sociale indispensabile a ciascuno di noi per sostenerci ed elevarci spiritualmente. Solo allora, allorquando ci saremo elevati, raggiungeremo l’Amore, ovvero la libertà.

La prima volta che lessi Alain De Benoist fu sulle colonne della rivista socialista Critica Sociale.
Imparai, via via, ad approfondire il socialismo originario, che è populismo, nel senso più positivo del termine.
Scoprii così intellettuali quali Michéa, Dugin, Limonov, Clouscard e riscoprii Pasolini, Gramsci, Orwell, Mazzini, Proudhon, Marx, Engels, Bakunin.
Negli ex socialisti di oggi – ormai capitalisti e liberali – non vedo nulla di quello spirito (che purtuttavia aveva per molti versi Bettino Craxi).
E non mi stupisce che, in Europa, i cosiddetti “socialisti”, non abbiano saputo difendere i popoli ed i poveri, ma, anzi, abbiano attuato privatizzazioni, precarizzazione del lavoro, austerità. Ovvero tutti quegli aspetti caratterizzanti la modernità d’oggi, ovvero il capitalismo assoluto.

Socialismo è socializzazione. Socialismo è autogestione. Socialismo è democrazia diretta e popolare. Non va dimenticato.

Se proprio personalmente dovessi politicamente definirmi, oggi, direi dunque che mi sento un socialista originario, autogestionario e conservatore.

Trovo sia preferibile il politicamente scorretto al politicamente corrotto.

Penso che tornerà ad esserci un po’ più di democrazia quando l’Europa non ci chiederà più niente e tornerà ad essere un’espressione geografica, ovvero ogni Paese tornerà ad essere sovrano.
Condizione base affinché un popolo possa autogovernarsi. E l’autogoverno, come l’autogestione, è la base della democrazia, che è governo di popolo, con il popolo, per il popolo.

 

Luca Bagatin

Nato a Roma il 15 febbraio 1979, blogger dal 2004 (www.lucabagatin.ilcannocchiale.it e oggi www.amoreeliberta.blogspot.it), in passato collaboratore del quotidiano nazionale "L'Opinione delle Libertà" e de "La Voce Repubblicana", oltre che di riviste di cultura esoterica e Risorgimentale. Ha fondato nel maggio 2013 il pensatoio (anti)politico e (contro)culturale "Amore e Libertà (www.amoreeliberta.altervista.org - www.amoreeliberta.blogspot.it). E' autore dei saggi "Universo Massonico" con prefazione del prof. Luigi Pruneti; "Ritratti di Donna" con prefazione di Debdeashakti e di "Amore e Libertà - Manifesto per la Civiltà dell'Amore" con prefazione del principe Antonio Tiberio di Dobrynia.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*