Primo piano

A volte è troppo tardi

Nel nostro paese oramai è consuetudine l’accettazione di uno stato che veste il grembiule da oste, vendendo e anche svendendo alcol  sottobanco, come se fosse del tutto naturale vedere un minore sbomballato di beveroni dai mille colori. Uno stato che veste i panni del biscazziere, di colui che fa giocare d’azzardo ma con voce suadente avverte grandi e piccini di ...

Leggi »

In difesa della democrazia partecipativa

Che il superamento dell’elettoralismo e del parlamentarismo sia inevitabile non sappiamo, che sia auspicabile in favore della democrazia partecipativa, sarebbe certamente positivo per la democrazia stessa. Sarebbe auspicabile in quanto la democrazia prevede che sia il popolo stesso a decidere per sè stesso, senza mediazioni di sorta, fatte di ideologismi, di lobbismi ed interessi particolari, come spesso rischia di accadere. ...

Leggi »

Il manifesto del Partito Comunista ha 170 anni (1848-2018)

Questo opuscolo, considerato la Bibbia del Proletariato, ha tracciato le linee di sviluppo dell’industrialismo, preconizzando anche l’eclissi dell’economia borghese, attualmente rappresentata dalla finanziarizzazione della società. Vediamone i punti cardine. Primo: l’industrialismo ha creato una nuova classe sociale come sottoprodotto della borghesia. Secondo: quando le condizioni di sussistenza del proletariato cadono al di sotto del minimo vitale si viene a creare ...

Leggi »

Per una volta, W la Francia!

Ieri mi sono complimentato con un paio di francesi coi quali per caso ho guardato la finale mondiale. Infatti avevo letto poco prima che i nazionalisti transalpini non sostengono una squadra francese tanto multietnica, e ciò mi è bastato per diventare un tifoso dei “Bleus”. E’ vero, infatti, che la maggior parte dei calciatori di Dechamps sono di colore (e ...

Leggi »

Utoya e la pena accettabile

Mi è capitato di difendere l’idea che i minori – o i “minorati” – assassini non dovrebbero essere condannati alle pene peggiori. Questo perché se si parte dal presupposto che siano minori e quindi immaturi, se non addirittura non responsabili rispetto a talune scelte, a maggior ragione dovrebbero essere considerati tali, non responsabili, quando dimostrino di risultarlo in maniera lampante, ...

Leggi »

Spezzeremo le reni alla Grecia…

….una frase tra le più caratteristiche (e meno preveggenti) della retorica mussoliniana alla quale si ispirano i fulminei messaggi di Salvini, convinto, come il Nostro, di avere sempre ragione. Frasi secche, brevi, con parole di facile comprensione per tutti, con contenuti più spesso minacciosi per gli avversari che promettenti per i sostenitori. Le biografie di Salvini non si dilungano sui ...

Leggi »

Il ruolo della contrattazione aziendale per il rilancio della produttività del lavoro: sintesi di una ricerca empirica

La ricerca pubblicata dal Centro Interuniversitario “Ezio Tarantelli”, dal titolo “Contrattazioni integrative aziendali e produttività: nuove evidenze empiriche sulle imprese italiane”, porta un deciso contributo al dibattito sul decentramento contrattuale nel sistema italiano di relazioni industriali. Basata sulla rilevazione Istat “sistema informativo sulla contrattazione aziendale” e sulla Banca Dati sviluppata attraverso integrazione di dati da indagine Istat e archivi amministrativi ...

Leggi »

Stati Uniti d’Europa – migranti. Dal vuoto di potere alla rissa e alle condanne a morte senza processo e -soprattutto- da parte di chi dice essere contrario alla pena capitale

L’incontro sui migranti di Bruxelles del Consiglio europeo è stata l’ennesima dimostrazione del vuoto di potere istituzionale della Unione Europea. Hanno deciso cambiando alcune virgole non sostanziali rispetto alle regole già in vigore. E non avrebbero potuto fare altrimenti. Visto che il Consiglio europeo è, per definizione, il contrario di quello che dovrebbe essere un organismo sovranazionale o federale per ...

Leggi »

E qui comando io e questa è casa mia

La scienza non è democratica, esclama, giustamente, con leggerezza  ma con fermezza la silente Grillo Ministro della Salute . Contro l’invadenza dell’Interno che tira fuori un tema  che non gli compete. E non se ne   capisce il motivo. Salvo, poi, a ripensarci e a rinculare  preso per la giacca da qualcuno.  Non siamo più in campagna elettorale.. Ops, ma si ...

Leggi »

E se Claudio Martelli…

Spero che si venga formando un'iniziativa politico culturale che ricostruisca in Italia un'area politica democratica sociale, liberale e repubblicana nel senso non strettamente partitico che la parola ha avuto. Di quest'area mi piacerebbe rivedere alla testa Claudio Martelli.

Leggi »