Banche e clienti: nella vita ci vuole pazienza… da parte di tutti!

di ADUC | 10 luglio 2018

Anche da parte dei membri di un Collegio dell’Arbitro Bancario Finanziario che si ritrovano a dover discutere il seguente ricorso:
Titolare di un conto corrente, il cliente effettuava un prelievo di mille euro e il cassiere quantificava l’importo da ritirare in 14 banconote da euro 50,00, 10 biglietti da euro 20,00 ed altri 10 da euro 10,00.
A fronte della contrarietà nell’accettare le 20 banconote di taglio più piccolo, l’operatore forniva 4 biglietti da euro 50,00 ed uno di euro 100,00 e sottoponeva al correntista due quietanze, una per il prelievo e addebito e l’altra per il cambio delle banconote.
Esperita la fase del reclamo, il correntista si duole che l’operazione di cambio, essendo “avulsa dal contesto del prelievo”, sia “priva di fondamento” nonché “pregiudizievole”, dal momento che essa rientrerebbe tra le operazioni sospette di riciclaggio. Ne chiede perciò la cancellazione e il risarcimento del danno per 5 mila euro.

Per coloro i quali non si fidassero, e li comprendiamo: è tutto vero.
https://www.arbitrobancariofinanziario.it/decisioni/2014/11/Dec-20141126-7868.PDF

Anti Patico

rubrica di Aduc-Investire Informati https://investire.aduc.it/antipatico/

L'Aduc (Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori), senza scopo di lucro, è un centro di iniziativa e aggregazione per la promozione dei diritti dei cittadini consumatori ed utenti. Il nostro principale obiettivo è dotare l'individuo del più efficace strumento civico di difesa: la consapevolezza dei propri diritti e doveri. Offriamo a chiunque -iscritto o meno all'associazione- servizi di informazione e consulenza, richiedendo contributi volontari proprio per mantenere questa formula. Per scelta non aderiamo al Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti (Cncu) presso il ministero dello Sviluppo Economico, spesso controparte nelle nostre iniziative e che ci farebbe per questo sentire in imbarazzo nel seguirne le direttive. Non percepiamo e siamo contrari ad ogni forma di finanziamento pubblico (compreso il 5 per mille), linfa di un associazionismo che rappresenta solo se stesso e si autoalimenta proprio grazie al potere pubblico e non alla sua effettiva utilità -cosa non dissimile da quello che accade con il finanziamento pubblico ai partiti politici.

Rispondi

Il suo indirizzo e-mail non verrà pubblicatoI campi obbligatori sono marcati *

*