Luca Bagatin

Nato a Roma il 15 febbraio 1979, blogger dal 2004 (www.lucabagatin.ilcannocchiale.it), collaboratore del quotidiano nazionale "L'Opinione delle Libertà" ed in passato de "La Voce Repubblicana", oltre che di riviste di cultura esoterica e Risorgimentale. Ha fondato nel maggio 2013 il pensatoio (anti)politico e (contro)culturale "Amore e Libertà (www.amoreeliberta.altervista..org - www.amoreeliberta.blogspot.it). E' autore dei saggi "Universo Massonico" con prefazione del prof. Luigi Pruneti; "Ritratti di Donna" con prefazione di Debdeashakti e di "Amore e Libertà - Manifesto per la Civiltà dell'Amore" con prefazione del principe Antonio Tiberio di Dobrynia. Presidente e fondatore del pensatoio (anti)politico e (contro)culturale “Amore e Libertà” www.amoreeliberta.blogspot.it

Cuba: Dio Patria Socialismo

Era il 26 luglio 1953 quando alcuni esponenti del Partito Ortodosso – partito ispirato al Libertador José Martì – guidati da un avvocato di ventisei anni chiamato Fidel Alejandro Castro Ruz, iniziarono la Rivoluzione contro il dittatore Fulgencio Batista, il quale aveva trasformato Cuba nel “bordello degli Stati Uniti d’America”. Questo l’inizio di un’epoca storica che porterà Cuba a riacquistare, ...

Leggi »

Danzatrice dell’Est (a Ralitza)

Una poesia di Luca Bagatin

Leggi »

Crisis in the Kremlin: un videogame sugli ultimi anni dell’Unione Sovietica

Sei stato eletto nuovo Segretario del Partito Comunista dell’Unione Sovietica proprio nel periodo di massima difficoltà del Paese. Parliamo della seconda metà degli Anni ’80, primi Anni ’90 ! Il tuo compito è quello di evitare il declino del Paese e di ricondurlo alla sua massima prosperità, ma il percorso è assai irto di ostacoli ! Questa l’estrema sintesi di ...

Leggi »

Per la rinascita del Socialismo

Leggo sempre con interesse gli editoriali del Direttore di Pensalibero.it Nicola Cariglia che, da oltre dieci anni, propone e sostiene il progetto di riunificazione socialista, anche se non li ho mai condivisi. Come ebbi modo credo già una decina di anni fa di dirgli, il socialismo italiano per come lo abbiamo conosciuto, è morto con la fine del PSI di Bettino Craxi. ...

Leggi »

Una vita, la vita di un bambino non può dipendere da dei giudici, dalla legge, dalla politica

La violenza delle leggi e delle autorità, qualsiasi esse siano, non può prevalere sull'amore dei genitori, sulla volontà degli stessi. Ciò non è per nulla civile, umano, democratico.

Leggi »

Intervista a Julián Isaías Rodríguez Díaz sull’attuale situazione politica in Venezuela

Julian Isaias Rodriguez Diaz, già Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela in Italia ed in passato Vice Presidente della Repubblica venezuelana con Hugo Chavez, è stato nominato Vice Presidente dell’Assemblea Costituente indetta dal governo del Presidente socialista eletto Nicolas Maduro. Oggi, come già lo scorso anno, ho avuto la possibilità e l’onore di intervistarlo in merito all’attualità venezuelana e latinoamericana. ...

Leggi »

La Quarta Teoria Politica di Aleksandr Dugin

La postmodernità, la globalizzazione, il glamour, lo showbusiness, hanno inghiottito e divorato ogni identità, ogni individualità e, dunque, ogni comunità. L’essere umano non è già più solo o tanto alienato, quanto piuttosto inglobato nell’effimera esistenza di cartapesta costruita da ad uso e consumo delle multinazionali, della grande impresa, della finanza, del sistema economico-politico-culturale occidentale americanocentrico. Ecco dunque riaffiorare sulla scena ...

Leggi »

Riflessioni sull’autodeterminazione, sull’autogestione e sulla libertà

Più che una cosiddetta (o sedicente) Società Aperta che si traduce nell’imposizione del modello americanocentrico al resto del mondo, preferisco una Civiltà dell’Amore, nella quale le singole identità e comunità si rispettino, con le rispettive peculiarità e differenze. Continuo a pensare che, se in Francia si alleassero Front National e France Insoumise, lasciando alle spalle feticismi ideologici del passato e ...

Leggi »

In Francia e alle amministrative italiane vince il non voto. Che necessita, evidentemente, di auto-rappresentanza

A vincere, diciamolo chiaro, è stata l’astensione. Lo è stata, clamorosa, in Francia, con un astensionismo di oltre il 50% e lo è stata anche in questa tornata di amministrative in Italia. Macron, dunque, vince e si prenderà la maggioranza assoluta dei seggi nell’Assemblea Nazionale francese con il 16% netto, ovvero è stato votato da solo il 16% degli aventi ...

Leggi »

Socialismi asiatici: l’Oriente può dirsi ancora oggi rosso?

Un saggio dell'intellettuale indipendente David L'Epée.

Leggi »

La necessità di superare i vecchi steccati ideologici in nome del popolo e dei popoli

Jeremy Corbyn, ovvero un socialista tutto d'un pezzo che sta facendo dimenticare il guerrafondaio Tony Blair, vergogna assoluta della politica e del laburismo britannico. Con il suo 40%, Corbyn, dimostra come l'amore (per l'ambiente, per i diritti dei lavoratori, per gli emarginati, per gli animali, per i popoli del mondo oppressi) vince sull'odio. E come il populismo - nel senso originario e più positivo del termine - sia quanto chiedono gli oppressi, i diseredati e gli sfruttati anche nel Regno Unito.

Leggi »