Franco Luceri

Nato nel 1941 e residente nel Salento, dopo due anni di esperienza da dipendente, come ragioniere, passò a l’attività autonoma come agente di commercio. Sposato da 46 anni, e pensionato da 10, ormai coltiva la sua passione più grande e quasi trentennale di opinionista dilettante, apolitico e libero, iniziata nel 1987 per il Quotidiano di Lecce e poi estesa alla Gazzetta del Mezzogiorno e altri giornali nazionali o locali con interventi occasionali. Dal 2011 ha un blog personale su internet “il rebus della cultura”. E dopo varie collaborazioni sul web, è approdato, per la cortese ospitalità del Direttore Nicola Cariglia, su Pensalibero.

Ultima evoluzione assassina da imprenditori a prenditori

Zygmunt Bauman ha criticato la finta civiltà moderna con quattro parole pesanti come macigni: “Addio umanità schiavizzata da un’elite di parassiti”. Peccato che nel frattempo l’elite di parassiti schiavisti ha figliato assassini ed è diventata esercito. Quindi il problema attuale è come renderli inoffensivi. Da qualche secolo la ricchezza ha invertito il senso di marcia e circola contromano. Chi produce ...

Leggi »

La Costituzione è carrozzeria o motore dello Stato di diritto?

Sappiamo già da un quarto di secolo che l’Italia per essere governabile ha bisogno di una seria riforma costituzionale. Lo capì a suo tempo la destra, ma gli italiani rifiutarono il servizio dell’officina Berlusconi e portarono l’Italia per una lucidatina dal carrozziere Monti e poi dal carrozziere Letta.Ma alla lunga anche i sinistri capirono col presidente Napolitano che senza riforma ...

Leggi »

Perché il sud arranca e il nord corre?

I privilegiati del mondo della cultura, (gli illuminati a kerosene come li chiamo io) fingono di non capire perché il sud Italia impoverito (ma forse è più giusto dire rapinato) un secolo e mezzo fa, non ha più colmato lo svantaggio rispetto al nord. Invece è fin troppo chiaro: la spesa degli imprenditori arricchisce tutti perché è finalizzata a comprare ...

Leggi »

Con lega e 5 Stelle governo Frankenstein?

Ha ragione Massimo Giannini. Se nel governo entrano le due forze politiche che hanno raccolto il massimo consenso dei ricchi del nord  e dei poveri del centro e sud. di chi ha un lavoro e di chi cerca lavoro, di chi ha potere economico e di chi vorrebbe un minimo di sostentamento per non morire, siamo all’assemblaggio di ricambi nuovi ...

Leggi »

Fra i 5 Stelle c’è un attore?

Non sono un addetto ai lavori, ma cerco di capire cosa hanno di strabico le analisi politiche riguardo ai 5 stelle. Perché a giudicare dal basso livello culturale dell’aspirante Premier Luigi Di Maio verrebbe normale pensare che Grillo e Casaleggio siano una coppia di cretini o matti che si sono avventurati su un terreno minato. Io invece li ritengo due ...

Leggi »

Un premier farmacista

È evidente che mettere a punto la giusta miscela ideologica per salvare un popolo Libero e Democratico non è ancora alla portata di tutti i cervelli altrimenti non staremmo qua a parlarne. Ma è lapalissiano che da solo il comunismo non sa produrre ricchezza e uccide i popoli di povertà e debito pubblico; mentre il liberismo li uccide di ingiustizia ...

Leggi »

Gli statisti italiani stentano a tenersi a galla

Ho estrapolato queste frasi da un bellissimo articolo del Sen. Graziano Cioni su pensalibero.it, che spiega senza troppi giri di parole come è uscita l’Italia dalle ultime votazioni politiche e perché ha perduto il PD e tutta la sinistra. Cioni scrive: “Leggo commenti di rassegnazione , di persone che hanno perso ogni speranza , pronti  alla ritirata, “hanno vinto loro ...

Leggi »

E’ la democrazia italiana bellezza!

Se i “machiavelli” italiani ce la facessero anche solo per un giorno a pensare in maniera asettica, si accorgerebbero che nessuna scienza al mondo è così perfetta quanto la politica democratica italiana nel garantire concretamente ad ogni singolo cittadino sovrano “onesto” l’esatto opposto di ciò che promette, e non con una leggina idiota fatta da legislatori analfabeti, ma inserita stabilmente ...

Leggi »

Mi sa che al buon governo basterebbero tre pilastri

La civiltà umana credo sia un ammasso di errori fatti oggi e corretti domani con finte soluzioni che generano altri guasti da risanare dopodomani con altre finte soluzioni e così per millenni. Ma su tre fronti, gli errori di pianificazione culturale ed esecuzione politico economica sono mortali per l’uomo e l’ambiente: istruzione, informazione e mercato. La formazione e l’implementazione dei cervelli non ...

Leggi »

Quale politica governa il mostro chiamato mercato.

La presenza dei comunisti nei sistemi liberali ci indurrebbe (visto che il mezzo mondo comunista è fallito miseramente) a pensare che siano loro il problema; Invece in ugual misura lo è tutta la politica, liberali compresi. Perché pianificare la produttività di un sistema collettivista è molto più semplice che rendere produttivo un sistema economico in regime di libero mercato. Dove c’è un solo padrone e datore ...

Leggi »

In Italia, i cittadini sovrani chi li ha visti?

Solo approdando su un’isola deserta, sconosciuta e inesplorata ci si può sentire liberi e proprietari di qualcosa. Ma nei sistemi democratici modello Italia, la libertà e la proprietà sono una truffa giuridica prima ed economica poi. E su l’uguaglianza e la giustizia meglio stendere un velo pietoso. Ti costruisci una casa più blindata di una cassaforte, ti chiudi dentro, ma non ...

Leggi »

La guerra comunismo liberismo

Se la scienza e la tecnica trasformano il caos della natura in catastrofi ambientali e guerra fra poveri, nella politica e nella giustizia persino democratica, qualcosa di sbagliato dovrà pur esserci, a cominciare dal liberalismo di John Locke  al marxismo di Karl Marx, ed eredi e successori. Alle domande che ci pone la realtà oggettiva, noi umani civilizzati e progrediti ...

Leggi »

Attenti ai surrogati dell’oppio teologico.

Se il sapere laico fosse riuscito a saziare il bisogno di capire degli umani, più del sapere religioso; almeno gli ultimi secoli di filosofia liberale democratica avrebbero dovuto indurre nei popoli, una maggiore libertà di pensiero e capacità di autogoverno. Invece, dal neonato al moribondo brancoliamo tutti nel buio pesto del caos naturale e culturalmente indotto. La cultura occidentale ha ...

Leggi »

Quando ci faranno sapere a che serve l’istruzione?

Non c’è solo un abisso di spessore culturale fra i vecchi maestri Platone e Pitagora poco più che contadini, e gli attuali scienziati cacciatori di galassie e dominatori dell’universo; ma anche nel livello di civiltà che ne è derivato. Gli scienziati “caricatura” di ieri, (alfabetizzati a casaccio: Socrate confessava umilmente “e che so io”?) ci hanno regalato un modello di ...

Leggi »