Franco D'Alfonso

Conseguita la laurea in Giurisprudenza alla Statale di Milano, prosegue gli studi con il Master Business Administration, MBA conseguito alla Scuola di Direzione Aziendale dell’Università Bocconi. Dal 1984 al 1998 è stato manager in Fininvest e Mediaset, dove ha ricoperto la carica di direttore delle produzioni internazionali. La sua vita professionale in ogni caso è principalmente incentrata sulla consulenza aziendale nel campo della telecomunicazione e dei media, con esperienze in Alfa Romeo, Finmeccanica e Italtel. E' stato inoltre amministratore delegato di numerose aziende in settori diversi, dalla discografia al turismo. Giornalista pubblicista dal 1975, è editorialista per quotidiani e periodici locali e nazionali. Socialista storico milanese, è animatore di vari circoli e organizzazioni nati dopo la dissoluzione del Psi. Dal 2006 al 2008 è stato vicepresidente dell’ANMC – Associazione Nazionale Mutilati Invalidi Civili di Milano. Dal 1992 al 1997 è stato Consigliere d’amministrazione del Piccolo Teatro di Milano, nel periodo della direzione artistica di Giorgio Strehler. E’ stato coordinatore e organizzatore della Lista Milano Civica per Pisapia Sindaco, con il quale ha svolto l'incarico di Assessore al Bilancio.

Venerdì 20 Ottobre a Milano “Autonomia sì, ma quella vera” con Giorgio Gori

Il 22 Ottobre gli elettori lombardi saranno chiamati ad esprimersi con un Sì o con un No al referendum consultivo sull’autonomia promosso dal Presidente della Giunta della Lombardia, Roberto Maroni. E’ stato detto da più parti che si tratta di un’iniziativa strumentale, promossa da Maroni solo per preparare il terreno per le prossime elezioni regionali della Primavera 2018. Affermazione sicuramente ...

Leggi »

Barcellona: il disastro dei ‘tregediatori’

C’è una parola del dialetto siciliano per indicare la strumentalizzazione di una situazione alzando il tasso di contrapposizione intrinseco di qualsiasi dibattito ed è il verbo “tragediare” . “Tragediare” è quello che ha fatto il governo spagnolo guidato da Mariano Rajoi, lanciando la Guardia Civil a manganellare vecchi e bambini per impedire l’esercizio comunque pacifico di un voto a supporto ...

Leggi »

Legalizzazione droghe. Al dilagare della criminalita’ organizzata e al bigottismo suicida, la battaglia non puo’ che essere transnazionale

legalizzazione cannabis

Non diciamo nulla di nuovo nel ricordare che il proibizionismo sulle droghe (di tutti i tipi) genera disordine pubblico, profitti per le mafie e la criminalita’ internazionale e locale, instabilita’ politiche ed economiche, massacro sociale. E niente di nuovo anche nel ricordare che coloro che in buona fede perorano tutti i divieti possibili ed immaginabili, sono di fatto complici dei ...

Leggi »

Città Metropolitana: si può continuare a giocare con le carte truccate?

Il 4 agosto scorso ho potuto finalmente firmare il rendiconto 2016 della Città Metropolitana di Milano, confermando il “miracoloso” equilibrio raggiunto lo scorso anno riuscendo finalmente ad avviare l’iter per l’approvazione del bilancio preventivo 2017. Non ci si stupisca se una performance così scadente venga considerata un “grande successo” , l’anno scorso il preventivo venne approvato (non è uno scherzo) ...

Leggi »

Franco d’Alfonso: ho già querelato e sto querelando chi mi associa a vicende alle quali sono estraneo

Su alcuni  quotidiani, nelle pagine di cronaca di Milano, sono apparse notizie in base alle quali sarei stato” indagato, forse archiviato”, per una vicenda legata all’arresto di due mesi fa di Domenico Palmieri, ex dipendente della Città Metropolitana e sindacalista prima della Uil e recentemente della Cisl, a cui ha fatto seguito la richiesta di rinvio a giudizio nei suoi confronti ...

Leggi »

Trasporto pubblico a Milano: da Rota buona amministrazione, no riportare lancette indietro

Torneremo presto a parlare di Trasporto pubblico a Milano, cercando di chiarire i molti punti incomprensibili più che oscuri di una vicenda che occupa le pagine della cronaca cittadina un po’ all’improvviso, senza che se ne comprendano le ragioni, ma soprattutto per affrontare in maniera chiara e trasparente un dibattito cruciale per la vita stessa della città e della sua ...

Leggi »

Per chi suona la campana

Gli allarmi e le paure si stanno spostando dal “taglio alla spesa” al “taglio del debito pubblico” che, in assenza di crescita economica, può essere effettuato solo con le “privatizzazioni”, con singolare e sinistro parallelismo con quanto avvenne negli anni ’90.

Leggi »

Benoît Hamon vince le primarie in Francia e viene bollato come “sinistra Corbyn”, utopista e senza cultura di governo

A parte che Hamon è stato eurodeputato di maggioranza a trenta anni e ministro a quaranta, non proprio la storia di un outsider a vita, in base a questo schema superficiale esisterebbe una sinistra di trasformazione che rifiuta di governare ed una sinistra di governo che si rifiuta di trasformare. Questa contraddizione si chiude uscendo dagli schemi e passando per ...

Leggi »

Lezioni americane

Tutte le “Lezioni americane” argomento Trump che ci verranno impartite dovrebbero iniziare con una doverosa premessa: “Non ho capito nulla e quel poco che avevo capito non ho avuto il coraggio di dirlo al momento giusto, quindi date il giusto peso a quel che sto per dirvi”. Naturalmente invece è già un susseguirsi di supponenti spiegazioni , oltretutto finalizzate a ...

Leggi »

Città e tasse una storia infinita

Milano

Il regio balivo Filippo di Beaumanoir scrisse nel 1283 una sorta di “rendiconto” della sua attività di assessore  nel trattato  “Costumi del contado di Clermont “, all’epoca della nascita del concetto di città borghese, con un capitolo interamente dedicato al comportamenti dei cittadini urbani dal titolo “Sugli abitanti delle buone città”. In questo pregevole scritto troviamo  oltre ad una delle ...

Leggi »

Dopo l’omaggio civico a Caprotti, la PA sorvegli che Esselunga resti in mani italiane.

Con qualche fatica il Consiglio Comunale di Milano ha reso omaggio civico a Bernardo Caprotti, leghista confesso, imprenditore brianzolo duro e spigoloso, protagonista di confronti durissimi con i sindacati e di lunghe guerre con le Coop rosse come con il priore della Biblioteca Ambrosiana che proseguono post mortem attraverso le disposizioni testamentarie. Ma anche di molto altro ancora, come le ...

Leggi »

Studiamo il fenomeno Corbyn…e dedichiamogli più attenzione

La campagna di Corbyn si è basata sulle associazioni di territorio , su una spinta dal basso, sull’ascolto delle persone singole non ha avuto alcuna caratteristica demagogica e populista. L’arrivo di Jeremy Corbyn alla guida del Labour Party è stato visto e presentato da molti esponenti della sinistra (?) europea e dalla totalità dei commentatori in maniera che possiamo definire ...

Leggi »

Il Partito Municipalista Ambrosiano

Il sindaco Pisapia è riuscito a recuperare dignità e onore all’istituzione che guida e al contempo a ripristinare un clima di collaborazione istituzionale a tutti i livelli. 27 maggio 2011: con la vittoria di Giuliano Pisapia nasce il “partito del centrosinistra”. 3 maggio 2015 con la manifestazione civica “Nessuno tocchi Milano” nasce il “partito della città”. Se nella serata dei ...

Leggi »

Dopo la rinuncia di Pisapia il Club Porto Franco discute come non disperdere le esperienze del “laboratorio Milano”

La comunicazione di Giuliano Pisapia in merito alla conferma della sua volontà di non ricandidarsi impone una accelerazione di tutti i processi politici nel laboratorio Milano. Il Club Porto Franco ha svolto anche al momento della nascita del “movimento arancione” nel 2010-2011 una piccola ma significativa funzione di luogo di dibattito libero ed aperto su ipotesi ed idee poco “ortodosse”. ...

Leggi »

“Spending Review” all’italiana tra fumo, cavilli e annunci mediatici

La “spending review” di Monti e Bondi o di Letta e Cottarelli e ora di Renzi e non si sa chi, è semplicemente una boiata pazzesca, come disse Fantozzi della Corazzata Potiomkin. Lo è nella sua formulazione e soprattutto nella sua traduzione pratica. Ancora un anno fa coltivavo l’illusione che si potesse discutere di spesa pubblica, bilancio e rilancio degli ...

Leggi »

Per i cattivi marinai il vento non è mai amico

Negli anni Novanta lo Stato italiano ha privatizzato aziende varie incassando circa 142.000 miliardi di lire, corrispondenti allora all’11,9% del Pil: una operazione discutibile e molto probabilmente effettuata sottoprezzo e male. Il commissario Olli Rehn ha stracciato in mille pezzi la legge di stabilità di Letta – Alfano, fissando il fabbisogno per l’equilibrio in 8,4 miliardi di euro, notizia che ...

Leggi »

Renzi, renzini e renzacci

“Considero Crozza il miglior analista politico italiano,  il suo sketch sui “pensierini renzini” conferma questa tesi perché è la migliore critica fatta al sindaco di Firenze senza scadere nei soliti stereotipi della “asinistra”. Però, però … alla “leopolda” ho sentito dire da Matteo Renzi, al termine di un ragionamento e non di un “focus group”, che “la sinistra che non ...

Leggi »

Dalla Giunta con amore/dolore

Franco D’Alfonso replica alle critiche alla giunta comunale milanese di Marco Vitale: la Giunta è sola, politicamente parlando. Il molto da fare, il molto sbagliato, ma anche il qualcosa che è stato fatto. Marco Vitale il 17 maggio su RESET ha pubblicato un articolo (*) dal titolo “Il silenzio di Milano”. Tengo troppo al suo parere per non rispondergli subito. ...

Leggi »

Politica: ripartire dal basso, da quello che c’è

Occorre ripartire da se stessi e rimettersi in discussione, senza rimanere ostaggi di storie consumate, che impediscono di guardare fuori di sé. La crisi di sistema che sta travolgendo il Paese obbliga tutti a ripensare sia la propria visione sia la propria missione pubblica. Le istituzioni e i partiti sono ormai assediati da movimenti di cittadini, la cui capacità progettuale ...

Leggi »

Milano, binario 21 tra orgoglio e vergogna

Ascoltare Liliana Segre, quest’anno, mi è servito a ritornare con i piedi per terra prima di essere vittima di un eccesso di entusiasmo e di orgoglio. Conoscere tutti i mille volti della città, ricordare non è piacevole ma è necessario. Sto vivendo un periodo molto felice della mia vita, sono parte di un’avventura politica straordinaria che ha restituito a Milano ...

Leggi »

Sul “Pellizza da Volpedo” appropriazione indebita

Il Comune è proprietario dell’Opera. Vedo con sincero dispiacere che l’ “Operazione Arancia(ione) Tarocco ” si è trasferita dal rione Forcella di Napoli, pronube il sindaco ex magistrato De Magistris alla magnifica terra degli agrumi, riportata  nei verbali, pardon nei discorsi, del non ancora ex procuratore Ingroia . Non contenti di condurre un tentativo di appropriazione indebita del Movimento Arancione ...

Leggi »

Regione: cosa dopo il Celeste

Una lista “arancione” in grado di raccogliere le energie civiche e politiche di persone, associazioni, iniziative che non si riconoscono nell’alveo sempre più ristretto dei partiti. Avrei dovuto dedicare questo intervento alle primarie nazionali del centro sinistra, ma l’avvio della fase finale della Gotterdämmerung del Celeste impone un urgente ritorno a riprendere il filo di un discorso iniziato già mesi ...

Leggi »

La sinistra vada oltre Alcatraz e Macondo

A volte penso che la lettura preferita di qualche dirigente del centrosinistra italiano sia ancora “L’eterno ritorno dell’Uguale” di Friederich Nietzsche: non si spiega altrimenti la pervicacia con la quale vengono riproposte da venti anni a cadenza regolare le stesse formule politiche per lo più dagli stessi esponenti (tutti uomini, tranne Rosi Bindi) riverniciandole di fresco ogni volta che si ...

Leggi »

Ora una legge per Milano

Milano può esprimere una capacità di governo e di rilancio a patto di non essere limitata da una visione burocratica e centralista che pretende di dettarle le stesse leggi valide per Castellammare di Stabia o per la Dronero che dette i natali a Giolitti.  La Giunta Pisapia ha rispettato il “Patto di stabilità” nel 2011 dovendo affrontare un “buco” di ...

Leggi »

Abolire la Regione: i risparmi della politica

Di là dalle valutazioni politiche è difficile sostenere che, quaranta e più anni dopo la sua istituzione, l’ente Regione abbia dato i risultati attesi e sperati.  Sono stato tra i primi studenti di Legge a dare con reale entusiasmo l’esame di Diritto delle Regioni alla facoltà di Legge, sono amico e ammiratore del vero fondatore della Regione Lombardia, Piero Bassetti, ...

Leggi »