Claudio Bellavita

claudio bellavita, dirigente Stet-telecom in pensione, è anche stato amministratore di banche. Ora si occupa di politica locale (capogruppo pd circoscrizione centro di Torino) e scrive. La sua “tutta la storia del mondo in un pomeriggio” uscita come e-book su Amazon è in testa alla classifica del settore educazione, e verrà adottata dal liceo italiano di Parigi e consigliata come lettura alle matricole di ingegneria gestionale del Politecnico

Questi sono incapaci di tutto

L’altro giorno segnalavo che il governo non ha ancora fatto il conto di quanto aumenta il deficit in seguito a uno dei peggiori autunni alluvionali della nostra storia. In compenso i grillini sono schierati a oltranza a difesa di almeno un pezzo di reddito di cittadinanza. La generazione del 68, alla quale mi onoro di appartenere, si è precipitata-gratis- a ...

Leggi »

Spezzeremo le reni all’UE…

….sembra sia lo slogan dei 5 stelle, al quale però non sembra si associ il socio Salvini, nonostante gli esercizi col mascellone e il frasario ironico, breve e ultimativo derivante da un’attenta lettura degli interventi mussoliniani. Chissà, forse vedremo novità dopo le europee, una volta stabilizzata la crescita della Lega e la decrescita di PD, FI e soprattutto di 5S, ...

Leggi »

Spezzeremo le reni alla Grecia…

….una frase tra le più caratteristiche (e meno preveggenti) della retorica mussoliniana alla quale si ispirano i fulminei messaggi di Salvini, convinto, come il Nostro, di avere sempre ragione. Frasi secche, brevi, con parole di facile comprensione per tutti, con contenuti più spesso minacciosi per gli avversari che promettenti per i sostenitori. Le biografie di Salvini non si dilungano sui ...

Leggi »

Sono passati solo 7 anni dal referendum sull’acqua pubblica

….vinto in misura stratosferica nonostante lo sdegno dei liberisti, degli ex Blair- Clintoniani (la genia più nefanda che abbia infestato l’occidente negli ultimi 30 anni, come sottolineato dalla debacle della Clinton contro Trump). Fino all’ultima settimana il PD di Bersani ha ignorato la questione, e dopo la vittoria i piddini di tutte le municipalizzate d’Italia han continuato a sabotarne il ...

Leggi »

Demagogia in Italia e strane attenzioni degli USA

Demagogia è la parola che nessuno ha ancora usato, ma è il programma politico che ha vinto le elezioni e condiziona le sparate anche di quelli che le hanno perse. Gli storici commenteranno il passaggio dell’Italia da una democrazia parlamentare (peraltro sempre più influenzata dai poteri forti e dalla delinquenza organizzata che ha risalito l’Italia ), alla demagogia urlata, per ...

Leggi »

Cosa ha in testa Renzi?

…che continua a sparare contro ogni possibilità anche solo di colloquio coi 5 stelle che gli stan portando via l’elettorato (e che in caso di nuove elezioni subito lo ridurranno sotto il 10%, mentre Salvini farà altrettanto con Berlusconi). E’ vero, Renzi è così pieno di sè che non sta neanche a guardare i sondaggi. Altrimenti non avrebbe annunciato le ...

Leggi »

Gli affari della Baiona e le grandi banche angloamericane

“Questo è un affare della Baiona” si diceva in Piemonte negli anni 30, dopo che l’importante Banca Agricola saltò per aver concesso al finanziere Gualino troppi finanziamenti garantiti da obbligazioni della Cassa di Risparmio di Bayonne (località turistica francese sull’Atlantico ai confini con la Spagna), obbligazioni risultate false e prodotte dal truffatore Stavisky (su cui è stato fatto un bel ...

Leggi »

I Politici in Tv hanno lo stesso appeal delle telefonate per la pubblicità

E’ un fenomeno che si accentua sotto elezioni, ma in genere tutti i TG, e in particolare quelli RAI, sono per metà inguardabili, perchè a chi vuol sapere cosa succede nel mondo e in Italia vengono inflitti per metà del tempo le ciance a vuoto dei nostri politici che ripetono ossessivamente le stesse stupidaggini con l’aggiunta di irresponsabili promesse a vuoto.

Leggi »

I giornalisti italiani, della carta e dei tg, non sanno dove sia la Norvegia…..

….che ha fatto le elezioni politiche lunedì 11, ma se un italiano vuol sapere come sono andate deve cercare su Wikipedia (gratuita e basata sul volontariato): i nostri giornali e TG sono troppo occupati a misurare le scorregge dei cialtroni che si aggirano per la Sicilia, che si avvia a battere il record nazionale delle astensioni, finora detenuto dall’Emilia. Eppure ...

Leggi »

Già le destre hanno stretto le destre….

…scriveva Manzoni nel marzo 1821. E già da tempo, anche allora si poteva constatare che invece le sinistre si scindevano ovunque e frequentemente, in base a motivazioni complesse e verbosissime, riassumibili in 3 parole: “qui comando io”, avendo come obiettivo finale tante sinistre, ciascuna in un solo appartamento. In cotanto marasma qualcuno sostiene che la più efficace forma di governo ...

Leggi »

A quale Stato fanno riferimento carabinieri, polizia e servizi segreti (composti in prevalenza da carabinieri)?

Gli esempi di questi giorni: -43 anni per arrivare alla condanna definitiva per la strage di Brescia, grazie a depistaggi e false prove, per cui i veri promotori hanno avuto tempo e modo di sparire. Ma succede così per ogni processo politicamente importante, c’è sempre una parte dello stato che si occupa di ricordarci che non siamo la patria del ...

Leggi »

Il dopo terremoto in Italia dura come le guerre in USA…

Il complesso militar industriale degli USA fa in modo che le loro guerre non finiscano mai: …Vietnam, Afghanistan, Iraq e Siria sono lì a dimostrarlo, e contribuiscono in modo rilevante al PIL USA. E i presidenti USA che vogliono concludere una guerra spesso fanno una brutta fine… Più modestamente, anche il complesso imprenditorial-burocratico e politico italiano fa in modo che ...

Leggi »

Vorrei sbagliarmi….

…ma ho idea che  dopo un momento di titubanza, Grillo e Salvini si stiano preparando alle politiche facendo fronte comune. Con tante ipocrisie, tipo una “coalizione tecnica” solo al Senato. per approfittare del consultellum.  Ma in un paese dove solo il 7% dei cittadini dichiara di aver fiducia nei parlamentari, è molto conveniente mettere  l’antipolitica contro la politica, gli inesperti ...

Leggi »

Per troppa fretta Martin perse la cappa

Solo uno che, come Renzi, non è mai stato parlamentare poteva pensare che la maggioranza dei membri del parlamento fossero disposti a rinunciare alla pensione ( e a non rientrare in parlamento) per soddisfare la sua premura di mettersi al più presto al posto di Gentiloni (ammesso e non concesso che le elezioni lo consentiranno). Per sua consolazione, si ritroverà ...

Leggi »