Carla Ceretelli

Nata a Sesto fiorentino, risiede da sempre a Firenze, attualmente nella Piazza di Santa Croce. Laureata in in Pedagogia qualche decennio fa, non ha mai amato l'insegnamento e ha scelto di affiancare il marito farmacista nella conduzione della Farmacia Logge del grano, nella Via de' Neri, per oltre 25 anni. Impegnata in politica attiva sul territorio è stata Consigliere del Quartiere Uno Centro Storico dal 99 al 2009. Da qualche anno si è affrancata dal lavoro e si dedica a varie occupazioni nel sociale, nel volontariato e canta nel coro "Accademia del Diletto" di Giorgiana Corsini. Ha sempre amato scrivere e avrebbe voluto fare la giornalista ma da giovane non ne ha avuto l'opportunità e forse neppure il coraggio. Ma ha sempre scribacchiato in modo non professionale. E, per la serie non è mai troppo tardi, collabora ora molto volentieri con Pensalibero.

Il male non ha nè babbo nè mamma. E’ e basta.

Inutile raccomandare bontà rispetto educazione a chi buono rispettoso educato non è e non intende esserlo. Alla fine ci vogliono i ceffoni.

Leggi »

Le vie del Signore sono finite

Per citare Mattia Feltri, dopo le diatribe padre figlio, per lo spirito santo bisogna aspettare un po'. Si può fare del proprio meglio ma per i miracoli bisogna chiedere più in alto.

Leggi »

Qualche personaggio in cerca d’autore

Prima della caduta del muro era tutto così chiaro. Poi il mondo si è capovolto e ha cominciato a mulinare creando il caos.

Leggi »

Razzista fascista in subordine xenofobo, per chi sa che cosa significa

Quando si tira troppo la corda alla fine si spezza. Bisogna intervenire almeno quando inizia a sfilacciarsi.

Leggi »

La tramvia va fatta a tutti i costi. Parola di  Amos in project financing.

Fatela, ma fatela veloce. E nel frattempo spostarsi, presumiamo, pedibus calcantibus.

Leggi »

Lo sceriffo si è tolto qualche sassolino

Ma un sassolino me lo voglio togliere anche io. Perchè il Cioni, in tempi lontani non l'ho proprio amato.

Leggi »

Il mondo fa le capriole

Ci conviene fermarsi e riflettere. Fermate il mondo, voglio scendere.

Leggi »

Il mondo è in mano ai matti. E ai Mattis. Bianchi olivastri gialli.

Il Tycoon gli fa tottò sulle manine e "soluzione pacifica, ma comportatevi bene". E Pyongyang di rimando "logica da gangster: rischio guerra nucleare improvvisa" Ecco così siam messi.

Leggi »

Voglio investire in educazione civica e cultura per difenderci dalle aggressioni Ma la sicurezza è di destra o di sinistra?

Ecco, ti entra uno in casa e gli chiedi la prima o la quarta, o l'autore dei Promessi sposi. E se non lo sa gli fai lezione. All'istante.

Leggi »

Ai miei tempi si diceva sei per Coppi o per Bartali…. E los noiosos

E los noiosos, per dirla con il grande Crozza,  nostrani. Il Matta il Padoan il Conte.

Leggi »

Niente elemosine ai giovani

Renderli attivi e offrire loro  reddito da lavoro. 

Leggi »