Aldo A. Mola

Aldo Alessandro Mola è uno storico e saggista italiano.

Il peso del potere supremo con la stella d’Italia

Comprendiamo i travagli di Mattarella. Ci ricordano un passato che non passa. A fine ottobre del 1922 Vittorio Emanuele III dovette dare un governo al paese dopo il fallimento di sei ministeri in due anni.

Leggi »

Voti (pochi) veti (troppi) e lo stato in bilico

La libertà dal “vincolo di mandato” è il sale della vita politica. Esso non trovò spazio nei partiti totalitari, usi a screditare i dissenzienti come traditori, radiati ed esposti al pubblico ludibrio.

Leggi »

Risanare per risorgere senza avventure

Troppi giocano ai quattro cantoni mentre la casa rischia il crollo. Ma il bel gioco dura poco. Entro dieci giorni, vecchio o nuovo che sia, il governo deve presentare i suoi conti all'Unione Europea.

Leggi »

Mentre la Francia “epura” Maurras ripartiamo da Roma degli italiani

Questa è l'Italia. Dà la parola agli assassini materiali di Aldo Moro come fossero oracoli di verità e di vita e scredita i vertici della Polizia di Stato.

Leggi »

La furia della Commissione Bindi per colpire la Massoneria piccona la libertà di associazione garantita dalla Costituzione

All'opposto di quanto asserito dalla Relazione Bindi sulla loro “sostanziale segretezza”, le Comunità massoniche agiscono alla luce del sole.

Leggi »

Sotto il segno del pellicano. Una legislatura a tempo determinato

Questa Legislatura ha un unico compito: varare alla svelta una legge elettorale decente prima che il regime attuale schianti. Dal 1848 al 1913 l'Italia ebbe la miglior legge elettorale d'Europa: i collegi uninominali a doppio turno.

Leggi »

Un voto contro il caos

Con gesti delittuosi, ripresi ad arte ed enfatizzati dai “media”, qualcuno tenta di esibire all'interno e all'estero il ritratto di un'Italia in preda a convulsioni.

Leggi »

Libera Massoneria in libero Stato: fermare i barbari

Massoneria

L'articolo 18 della Costituzione recita: “i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati dalla legge penale”

Leggi »

La sostituzione agli esteri del diafano Alfano

Di sicuro gli Esteri non possono rimanere come sono. Non è un problema di coalizioni, di partiti. E' una questione di Stato, cioè di serietà.

Leggi »

Votare: un dovere civico contarsi per contare

Salvini, Meloni e Berlusconi

Tempi migliori potranno nascere solo dalla netta vittoria del centro-destra, dalla sconfitta delle due sinistre (i “renziani” e i grassoboldriniani) e dall'emarginazione dei Cinque Stelle.

Leggi »

La ruota dello stato macina oltre i regimi

Ne scrive Guido Melis nell'importante volume “La macchina imperfetta”, sintetizzato dal sofferto sottotitolo: “Immagine e realtà dello Stato fascista” (ed. il Mulino).

Leggi »