Giorgio Castriota Santa Maria Bella

La “coprolalia” nei dibattiti televisivi

La “coprolalia” (dai termini greci: “copros”= escremento, sterco; “lalia”= cicaleccio, chiacchera) è un comportamento compulsivo patologico che provoca nel soggetto che ne è affetto la necessità impellente di pronunziare parole o frasi dal contenuto osceno e/o volgare. Le origini di tale disturbo possono derivare vuoi da una turba psichica vuoi da fattori ambientali in grado di favorirla. La “coprolalia” colpisce ...

Leggi »

Qualche informazione a proposito dell’Islam

Molti in questi giorni sostengono che il vero Islam è una religione di pace. Non è, perciò, del tutto inutile ricordare, per amore della verità, alcune cose a questo proposito. Maometto (N.B. il fondatore di questa fede), dopo la vittoria del 627 d.C. a Medina nella c.d.” Battaglia del fossato” sulla federazione composta da Beduini, appoggiati dagli Ebrei e dai c.d. ...

Leggi »

Dum vitat humum, nubes et inania captat”

(= Mentre evita la terra prende le nuvole e le cose inutili ;Orazio, “Ars Poetica “,230) I maligni direbbero che la Cancelliera, in un solo colpo, ha respinto i possibili attacchi di chi, accusandola d’insensibilità, avrebbe anche potuto ricordare le stragi naziste, ed ha fornito manodopera di un certo livello all’industria tedesca. Ci sembra che questo sia il risultato della ...

Leggi »

La mancanza di protezione dei cittadini italiani all’estero da parte dello Stato

Il ” peso” di uno Stato nei fori internazionali si misura non solo, ovviamente, in base alla forza economica dello stesso ma anche all’atteggiamento che assume ogni qualvolta siano coinvolti gli interessi, maggiori o minori, del paese e i propri cittadini. Sotto questo secondo aspetto l’Italia è carente talora in maniera eclatante. Due recenti esempi di estrema gravità: Il caso ...

Leggi »

Similitudini tra le invasioni barbariche del V°-VI° secolo D.C. e l’attuale flusso di fuggiaschi dall’Africa e dal Medio Oriente

La storia -si dice a giusto titolo- in genere non si ripete. Alcuni fenomeni, tuttavia, hanno connotazioni simili e le conseguenze degli stessi possono essere anch’esse -mutatis mutandis- analoghe. Le popolazioni germaniche (Goti, Burgundi,Sassoni, Franchi etc), da tempo. insediatesi lungo i confini dell’Impero Romano, anche in virtù di patti speciali conclusi con le autorità dell’Urbe, nei secoli sopra citati, sotto ...

Leggi »

L’attentato di Tunisi. Quali conseguenze sono ipotizzabili?

La Tunisia sembrava rappresentare fino al 18 marzo del corrente anno quasi un’isola semi-felice nel panorama dei paesi arabi caratterizzato da regimi più o meno dittatoriali o dal marasma politico (v. Siria, Iraq Libia). La c.d. “primavera araba” iniziò, infatti, proprio a Tunisi e provocò la fine del regime di Ben Alì. Negli altri paesi dell’Africa del Nord non ebbe ...

Leggi »

Sulla viticultura

La viticultura ha accompagnato e favorito lo sviluppo storico, culturale, sociale ed economico delle popolazioni del bacino del Mediterraneo, prima, dell’Eeuropa occidentale e delle Americhe successivamente Questo aspetto è in genere poco conosciuto ma riveste un’importanza rilevantissima nella storia dei popoli dell’Europa e delle Americhe. Occorrerebbe un volume per cercare di descrivere l’influenza che nel corso dei millenni ha esercitato ...

Leggi »

Chi ha, sotto il profilo politico, perso in Italia la trebisonda gli scorsi giorni?

“Perdere la Trebisonda” si dice di chi perde il controllo essendo confuso e disorientato. All’origine di questa locuzione sarebbe il fatto che la città di Trebisonda (in turco Trebzon) sul Mar Nero rappresentava nell’antichità il porto più importante in quel bacino ed il punto di riferimento per i naviganti sulla rotta tra Europa e Medio Oriente. La città fu capitale ...

Leggi »

“Meminisse Iuvabit” (= Gioverà ricordarsene – Virgilio, Eneide 1,203)

I tristi avvenimenti in Francia e Belgio (per ora) erano abbastanza facili da prevedere e da molto tempo. Riscorrendo, spinto dalla vanità, l’elenco dei miei articoli ho, purtroppo, dovuto constatare che i tristi avvenimenti in Francia e Belgio (per ora) erano abbastanza facili da prevedere e da molto tempo. Basterà a tal fine rileggere i titoli di alcuni miei scritti ...

Leggi »

L’imprudente “captatio benevolentiae” del nostro primo ministro

Probabilmente per acquisire meriti agli occhi del Governo turco e dei nostri esportatori ed investitori in Turchia il Primo Ministro Renzi, in occasione della recente visita di Stato ad Ankara, ha dichiarato che il nostro paese avrebbe sostenuto la domanda di quel Governo di adesione all’Unione Europea, richiesta che da tempo giace sui tavoli delle Cancellerie dei paesi membri. Tale ...

Leggi »

Con la Russia non è nell’interesse dei paesi dell’Unione Europea e degli Stati Uniti tirare troppo la corda

Negli ultimi mesi il Presidente Obama sta conducendo, spalleggiato da alcuni paesi europei, un’offensiva diplomatico economica contro Mosca per il problema dell’Ucraina. Ci sembra che si stia esagerando. Se è vero che Putin (cresciuto nei ranghi del KGB) è un nazionalista e che non giochi a carte scoperte nella tutela della componente russofona dell’Ucraina, ciò non di meno occorre chiedersi ...

Leggi »

La persecuzione dei cristiani nel mondo

Secondo analisi di osservatorii attendibili il numero dei perseguitati a motivo della fede é enorme. Solo per quanta riguarda gli omicidi si tratterebbe annualmente di 100.000 persone! In pratica nel quasi silenzio dei Governi Europei, di Washington e della stampa internazionale nonché -”incredibile auditu”- solo con timidi accenni al problema da parte del Pontefice assistiamo, quasi quotidianamente, a frequenti omicidi, ...

Leggi »

Similitudini storico-letterarie

Guicciardini individua nella cecità dei principi italiani, che si illusero di saper controllare ed utilizzare per piccoli interessi dinastici o territoriali forze di gran lunga piu’ potenti di loro quali l’Impero Asburgico o il regno di Francia. Nella sua “Storia d’Italia” Francesco Guicciardini individua nella cecità dei principi italiani, che si illusero di saper controllare ed utilizzare per piccoli interessi ...

Leggi »

Vanitas venitatum, omnia vanitas (“Vanità delle vanità, tutto è vanità” Ecclesiate 1,2; 12,8)

E’ ormai questo l’imperativo della nostra società. Siffatto “detto-ammonimento” dovrebbe campeggiare ormai anche nella aule di giustizia italiana sotto (o al posto?) alla frase ” La giustizia è uguale per tutti”. Come spiegare, infatti, altrimenti il comportamento di alcuni giudici, che manifestano il loro orientamento politico ad ogni piè sospinto, dando inizio sovente ad inchieste penali eclatanti che si rivelano ...

Leggi »