Editoriali

Primo piano

  • Alitalia, taxisti e non solo. Chi paga? Il solito consumatore. E’ guerra? Meno male che c’e’ l’Ue

    Alitalia agonizzante e il ministro dei Trasporti fa sapere ai dipendenti che loro non pagheranno errori e colpe dei manager. I taxisti mettono a ferro e fuoco la capitale e il Sindaco di questa citta’ dice che e’ con loro, mentre il solito ministro da’ loro ragione e prende solo un po’ di tempo per ratificare. Sono solo due recenti episodi della via dell’economia italiana alle liberalizzazioni, Tra un dl Milleproroghe (che -il nome stesso…- ...

Primo piano

  • Jobs Act: tanto rumore per nulla ?

    Il jobs act poteva essere una reale occasione di sviluppo del nostro paese, in un momento di difficile congiuntura economica.Invece di utilizzarlo come opportunità di crescita si è preferito ridurlo a pura propaganda.Il vero obiettivo di questo provvedimento non era l’aumento dei posti di lavoro, ma la sua stabilizzazione, infatti: contratti a termine, co.co.co, co.co.pro, sigle che adesso non dicono più nulla, venivano tramutate in contratti a tempo indeterminato. Certo rapporti con tutele crescenti, con ...

Primo piano

Opinioni

  • Occorre tassare il Commercio Elettronico

    Il titolo può trarre in inganno, senza una doverosa premessa per i lettori che non conoscono il commercio elettronico, Trattasi di una pratica commerciale che vede all’opera delle potenze dell’economia mondiale, quali Amazon ed altri. In che cosa consiste questo sistema di vendita? Voi vi collegate con il sito dell’azienda che offre le merci, scegliete l’acquisto, pagate con carta di credito e l’oggetto vi viene consegnato tramite le poste o un corriere privato. Fin qui ...

Opinioni

  • L’ottimismo della volontà e l’ottimismo della ragione

    “…Persino  dall’abisso dell’orrore in cui cerchiamo di trovare la nostra strada oggi mezzi ciechi con i nostri cuori distrutti e infranti, guardo e riguardo le costellazioni antiche che hanno illuminato la mia infanzia, e mi conforto   con la fiducia innata che ho sul  fatto che un giorno, questa ricaduta apparirà soltanto un intervallo nel ritmo eterno del progresso che guarda sempre avanti…” Questo sperava Stefan Zweig quando scrisse la sua autobiografia Il mondo di ieri, Ricordi ...

Interni

Esteri

Cultura

Invito alla lettura